A- A+
Politica
Libia, un abisso tra Lega e M5S. "Confidiamo nello Spirito Santo..."
Foto: LaPresse

Di Alberto Maggi

C'è un certo stupore tra i deputati della Lega quest'oggi a Montecitorio, all'indomani della riunione congiunta dei gruppi parlamentari. Né Matteo Salvini Giancarlo Giorgetti hanno praticamente affrontato il delicatissimo tema della situazione in Libia e del rischio che un'ondata di centinaia di migliaia di profughi/migranti arrivi verso le coste del nostro Paese con i barconi. Il segretario del Carroccio e il suo vice hanno puntato moltissimo sulle elezioni europee del 26 maggio ("Non diamo nulla per scontato nonostante i sondaggi") invitando a un impegno particolare sul territorio, ma nulla è stato detto sulla crisi libica.

Malgrado proprio ieri fosse il giorno della contestata direttiva emanata dal responsabile del Viminale che ha suscitato uno scontro istituzionale con i vertici della Difesa. Ma perché questo silenzio? Un deputato leghista di lungo corso, alla domanda specifica, allarga le braccia, scuote il capo e afferma: "Possiamo solo sperare che la situazione si tranquillizzi e che non sia nessuna invasione di migranti, altrimenti sono grossi guaia per il governo. Confidiamo nello Spirito Santo...".

Tra il serio e il faceto la risposta è emblematica di quanto sta accadendo nella maggioranza. Luigi Di Maio e il ministro Danilo Toninelli insistono sugli alleati della Lega in Europa che dovrebbero accettare la redistribuzione di profughi e usano un linguaggio per diverso da quello dei porti chiusi che ribadiscono all'unisono Matteo Salvini e i suoi sottosegretari all'Intero Nicola Molteni e Stefano Candiani. L'impressione, conversando anche con qualche deputato pentastellato, è che se davvero ci fosse un'invasione di centinaia di migliaia di migranti, con il pericolo terroristi e con la Francia e l'Austria che hanno chiuso le frontiere, l'esecutivo difficilmente potrebbe reggero l'urto. E le due anime della maggioranza andrebbero a scontrarsi forse in modo irreparabile.

Per Di Maio la chiusura dei porti è una misura occasionale, per Salvini è la via maestra. Due linee che i silenzi, le battute, le smorfie e gli imbarazzi dei parlamentari in Transatlantico - sia del Carroccio sia del M5S - evidenziano in maniera plastica, così come l'assenza di una soluzione. Un clima che rischia di esplodere tra i due partiti della maggioranza, tanto che un altro leghista alla Buvette, impegnato ad azzannare una brioches all'albicocca, a bassa voce (per non farsi sentire dai colleghi pentastellati) ad una domanda sulla posizione della ministra della Difesa Elisabetta Trenta risponde in modo emblematico: "Quella è peggio di Fico...". Appunto, non ci resta che sperare nello Spirito Santo.

Commenti
    Tags:
    libialegam5s
    in evidenza
    "Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

    MediaTech

    "Vita in Diretta, misura colma"
    L'Ad Salini sul piede di guerra

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta l’app FordPass Pro dedicata ai clienti business delle piccole

    Ford presenta l’app FordPass Pro dedicata ai clienti business delle piccole


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.