A- A+
Politica
Luigi Di Maio sta facendo scomparire Zingaretti
Advertisement

Nicola Zingaretti è uno dei più furbi segretari del Pd perché il suo mestiere, imparato alla Scuola di partito delle Frattocchie, indubbiamente lo sa fare. Non ha l’irruenza napoleonica e sconsiderata di Matteo Renzi e valuta sornione quando affondare il corpo e quando glissare. È un gesuita rosso

che però non ha più fedeli a cui recitare messa.

E in questa ottica il segretario del Pd ha dichiarato: “chi vota Di Maio vota Salvini”.

Questa affermazione così perentoria, fatta oltretutto in un momento in cui la distanza tra il leader dei Cinque Stelle e quello della Lega è abissale, fa riflettere e rimanda alla considerazione iniziale.

Zingaretti sa benissimo che in questo momento Di Maio ha fatto irruzione “a sinistra” e ha paura di perdere tutto il consenso che gli è rimasto che vede sfuggire inesorabilmente come sabbia da una clessidra bucata.

Ha paura perché Di Maio sta portando avanti tutti i temi propri di un partito, il Pd, che dovrebbe essere dalla parte dei deboli e dei lavoratori e non solo non lo è più stato ma ha fatto atti indecenti come il Jobs Act con l’abolizione dell’articolo 18 ed ha sostenuto la terribile riforma delle pensioni nota come Fornero.

Tutte cose che hanno distrutto la classe lavoratrice, i disoccupati, i giovani mentre il Pd inseguiva “attici e caviale” scollandosi sempre di più dalla sua base.

Di Maio ha invece fatto il Decreto Dignità, il Reddito di cittadinanza e fra poco il salario minimo orario che ha intenzione di portare come cavallo di battaglia anche in Europa.

Il salario minimo orario metterà fine all’ignobile sfruttamento di lavori pagati pochi euro l’ora.

Una grande misura di civiltà.

Tutte misure che avrebbe potuto e dovuto fare Zingaretti se non fosse stato impegnato, come partito, a supportare un passato imbarazzante voluto da Renzi e un presente ancor più imbarazzante con un ritorno siciliano di un Nazareno 2 a Gela, importante città in cui l’accoppiato Pd Forza Italia ha vinto.

E poi ancora dice il segretario: “Questo governo è diventato il governo dell'inciucio e delle poltrone. Pensano soltanto alla spartizione del potere”. E qui siamo nel tempio barocco della retorica più pura. Sentire Zingaretti, governatore del Lazio che neppure si è dimesso dopo essere diventato segretario, parlare di “potere” e “spartizione di poltrone” fa sorridere.

L’unico obiettivo che ha Zingaretti ora per non scomparire è, paradossalmente, screditare Di Maio che gli sta facendo una razzia di consensi perché, contrariamente al Pd, i Cinque Stelle stanno ora perseguendo una vera e propria politica sociale per di più post ideologica nel senso che Di Maio fa gli interessi della classe sociale più debole.

Zingaretti invece fa ancora l’elogio ideologico dell’Unione Sovietica e poi fa le alleanze con Silvio Berlusconi. Dove è la coerenza?

Una brutta gatta da pelare per il povero “Zinga” stretto tra i nemici interni come Renzi e l’azione devastante di Di Maio. Rischia l’assoluta marginalità e la successiva scomparsa.

 

Commenti
    Tags:
    luigi di maionicola zingaretticinque stellepdgelanazareno 2salario minimo orario
    in evidenza
    "Guede stuprò e uccise Meredith" Amanda Knox un fiume in piena

    "INCHIESTA CONTAMINATA"

    "Guede stuprò e uccise Meredith"
    Amanda Knox un fiume in piena

    i più visti
    in vetrina
    Asteroide gigante punta la Terra. Osservando la traiettoria...

    Asteroide gigante punta la Terra. Osservando la traiettoria...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW Serie 3 Touring, ora anche ibrida plug-in

    Nuova BMW Serie 3 Touring, ora anche ibrida plug-in


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.