A- A+
Politica
M5S, a Dibba e Fico il gioco delle parti. Suggestioni sulla spallata a Di Maio

È il classico gioco delle parti, con Roberto Fico da Presidente della Camera e Alessandro Di Battista da filologo delle migrazioni mondiali che va girando per il globo, che tengono costantemente sotto accusa l’ala governativa del M5S, facendo il controcanto al loro vice premier Di Maio, onde evitare l’elettorato fugga in toto.

Il punto è questo, chi ama la linea della fermezza, della tolleranza zero contro i migranti, del braccio di ferro con Bruxelles, legittima difesa, ecc, ha un eccezionale interlocutore-comunicatore, una bestia sacra della interpretazione degli istinti come Matteo Salvini, dominatore assoluto della scena e degli argomenti, che da anni porta avanti con autenticità.

È logico che chi segua, ne risulti una patacca, una scimmietta ripetitrice e vuota. Quindi, ai grillini non resta che imbracciare il fucile dei diritti civili e sociali, spronando l’attività legislativa sulle tutele da licenziamento, la chiusura dei centri commerciali, il daspo per i corrotti, vitalizi, e quel reddito di cittadinanza che però tanto facilmente non partirà. Nessuna azione caudina, nessuna forca mediaticamente scintillante sinora sono riusciti a mettere a segno.

Passano in sordina, fare leggi non paga molto in termini di consenso, quando l’audience necessita un tono alto. I tempi dei V-Day sono finiti da un pezzo, e sicuramente Beppe Grillo è un istrione più in gamba di Di Maio. Che fare dunque? Se a destra non c’è spazio, se gran parte della base grillina tutto sommato apprezza il confine coriaceo del Viminale, non resta che tenere viva la bandiera di sinistra, quella che ha permesso di drenare la vecchia vacca grassa che un tempo rappresentava il PD. Tuttavia le vibrazioni del consenso, quando oscillano troppo, possono causare scosse telluriche.

Non dimentichiamoci che amicizie fraterne, patti inossidabili, in politica non esistono. Chissà che ad un certo punto l’ala adamantina e più intransigente non tenti la spallata giustizialista, una manovra per far saltare il banco ed abbracciare le lacrime boldriniane. A pensare male si fa peccato, ma spesso si azzecca.

Twitter @andrewlorusso

Commenti
    Tags:
    m5salessandro di battistaluigi di maio

    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.