A- A+
Politica
M5S, Raggi e Frongia processarono De Vito davanti ai deputati. Le chat segrete
ECCO TUTTI GLI SCREENSHOT DELLA CHAT SEGRETA

Riferendosi al condono edilizio di un immobile sito in Via Cardinal Pacca, riguardo al quale De Vito fu accusato di un illecito accesso agli atti (accusa anche questa confutata), Monica Lozzi dichiara esserne a conoscenza anche  tale “Dessì” (alias Emanuele Dessì, consigliere comunale pentastellato di Frascati) e che questi ne avrebbe parlato in una riunione ai Castelli. Quindi, stando a quanto si legge, il “caso De Vito” era già noto anche fuori Roma, e probabilmente solo lui e Roberta Lombardi n’erano rimasti ignari fino al momento decisivo.

Il capogruppo in consiglio comunale Paolo Ferrara (fedelissimo della Lombardi) procede invece con i piedi di piombo e ricorda che non sono “un tribunale” (ma l’atmosfera è quella); che si dovrà valutare con le carte alla mano e che il voto contro De Vito dovrà essere a maggioranza.

Frongia accenna dunque a uno scambio intercorso con Roberta Lombardi, che gli invierà la “linea difensiva” di De Vito (l’espressione “linea difensiva” delinea un vero e proprio processo interno) e Danilo Barbuto commenta tagliente: “ossia la sua”, ovvero quella della stessa Lombardi, di cui de Vito è il protetto. Monica Lozzi s’informa se la linea difensiva è “credibile”, ma Frongia nega sostenendo che è “confliggente con quanto detto e fatto dal suo collaboratore" (il già citato Claudio Ortale, rinviato a giudizio per truffa aggravata) e da quanto detto da De Vito.

Malgrado l’analisi di Frongia, tutte le accuse furono rispedite al mittente da De Vito che tuttavia decise di tacere sul trattamento subìto, a suo dire, per il bene del m5s. Sta di fatto che come dimostrano questi screenshot, prima delle elezioni dello scorso anno, mentre davanti alle telecamere e agli eventi pentastellati sorridevano in un “volemose bene” perpetuo, i parlamentari e i consiglieri comunali e municipali del m5s tramavano contro un loro collega e compagno di squadra, che al tempo stesso sceglieva di tacere avallando di fatto questa farsa ai danni dei romani, ignari di quanto stava succedendo dietro le quinte nella totale assenza di trasparenza. Un valore che, assieme all’onestà, nel m5s è da tempo annegato nella palude di veleni e di congiure incrociate. 

Tags:
virginia raggim5sraggimarcello de vitode vitodaniele frongiachat segretedi battistalombardiprocesso

in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

i più visti
in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.