Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

M5S, trasferta Usa per Virginia Raggi. A Roma si teme l'effetto boomerang

Virginia Raggi come Ignazio Marino: parte con la città a pezzi

Di Marco Zonetti
M5S, trasferta Usa per Virginia Raggi. A Roma si teme l'effetto boomerang

Virginia Raggi si appresta a sbarcare negli USA, e sui social network infuriano già le polemiche. Invitata dal sindaco parigino Anne Hidalgo alla conferenza Women4Climate, che si terrà a New York il 15 marzo con la partecipazione delle donne sindaco di vari Paesi del mondo appartenenti al C-40, Virginia Raggi si trasforma nell’ambasciatrice del M5s oltreoceano e c’è già chi dice che questa trasferta potrebbe essere la sua pietra tombale. Nelle sale capitoline sembrano fervere entusiasti i preparativi per il viaggio, ma voci di corridoio insinuano invece le solite liti e rivalità per far parte dello staff che accompagnerà la sindaca negli USA, oltre all’inasprimento delle faide intestine mai sopite.

Riecheggiano poi insistenti gli echi del viaggio a Filadelfia di Ignazio Marino, quello che scatenò una marea di diatribe sui presunti costi esorbitanti e che innescò polemiche anche con il Santo Padre, contribuendo indirettamente alla caduta dell’ex sindaco. Sui social i simpatizzanti delle opposizioni stigmatizzano, a Destra, l’inopportunità del viaggio della sindaca in un momento così delicato per Roma, devastata da incuria e degrado, mentre l’elettorato PD e di Sinistra ricorda gli attacchi feroci di Raggi e colleghi contro Marino e denuncia l’incoerenza dei pentastellati riguardo a un’iniziativa volta principalmente ad accreditare oltreoceano il brand M5s. 

Un brand, un marchio insomma, e già il termine dovrebbe far rabbrividire, che si è decisamente offuscato rispetto al giugno 2016, quando un sito di ultradestra facente capo a un collaboratore dell’attuale Presidente USA, quello Stephen Bannon più volte definito “suprematista” e “antisemita”, aveva definito - per poi smentire poco convintamente - la Raggi “il Trump di Roma”.  

Da allora gli articoli della stampa internazionale hanno visto peggiorare inesorabilmente l’opinione sulla sindaca capitolina, e in ambienti pentastellati non sono in pochi a temere che il tutto si trasformi in un boomerang dalle conseguenze disastrose. Se i fans sono preoccupati per la salute della sindaca - colta dall’ennesimo malore solo qualche giorno fa, i detrattori esterni e interni al M5s si fregano le mani al pensiero di un “Marino bis” e dell’immancabile strascico di polemiche post-trasferta in grado d’indebolire ulteriormente la già traballante giunta.
 
L'opinione pubblica avversa al M5s e i molti nemici della sindaca si domandano quanto costerà il viaggio alla cittadinanza, ma la Raggi non deve temere soltanto i suoi avversari politici. “Dagli amici mi guardi Dio…” recita il proverbio, e - stando ai veleni che trapelano dalla maggioranza in Campidoglio riguardo al possibile flop del viaggio americano - Virginia Raggi ha decisamente molti “amici” da cui guardarsi. 

In Vetrina

Isola dei Famosi 2018 chiude. ISOLA 2018 choc: finisce prima. ISOLA 2018 NEWS

In evidenza

Bere alcolici e caffè può aiutare a vivere di più
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Nuova C4 Cactus,carattere unico design audace

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.