A- A+
Politica
Macron antisovranista con i confini altrui e la paura dell'Europa "populista"
Foto LaPresse

Fra i tanti alleati di Matteo Salvini loro malgrado, ecco annoverarsi un nuovo personaggio di tutto rispetto sullo scacchiere internazionale, ovvero il presidente francese Emmanuel Macron.

Autodefinitosi l'argine europeo all'intolleranza di Matteo Salvini verso l'accoglienza ai migranti, si è visto ribattezzato prontamente da quest'ultimo "ipocrita" per la chiusura delle frontiere a Ventimiglia.

Perfino il buon Carlo Calenda, non esattamente un fan della Lega, ha invitato l'inquilino dell'Eliseo a darsi una ridimensionata tacciandolo di essere un pessimo alleato per l'Europa.

Il fatto è che il buon Emmanuel è in profonda crisi oltralpe. Beniamino dei francesi l'anno scorso, oggi è ai minimi storici della sua popolarità e lo scandalo della guardia del corpo Alexandre Benalla ha inferto un colpo letale alla sua credibilità. Qualche giorno fa si è per giunta dimesso il ministro dell'Ambiente Nicolas Hulot, uno dei suoi fedelissimi di sempre con le inquietanti parole "Non ci credo più". Una sentenza di morte che si è immediatamente riverberata nei sondaggi a tutto sfavore di Macron.

Macron che vede la baracca crollare proprio mentre si autoincorona baluardo contro il sovranismo e il populismo euroscettico in Europa. E la sua partenza lancia in resta contro il nemico deriva soprattutto dal terrore che quest'ultimo possa davvero imporsi prepotentemente fin dalle prossime elezioni europee del 2019. 

Lui e Angela Merkel, la cancelliera a sua volta in crisi profonda in Germania, vedono infatti sorgere all'orizzonte stelle nefaste, e un sondaggio pubblicato dal Corriere della Sera potrebbe essere la conferma di tutti i loro timori.

Per l'asse Ppe e Pse si prevede infatti una perdita di ben settanta seggi in Italia, Francia, Germania, Spagna, Romania, Polonia, Olanda, Svezia e Ungheria, patria del primo ministro Viktor Mihály Orbán del quale Matteo Salvini è "l'eroe".

Quanto alle destre sovraniste, la tendenza è del tutto opposta e il sondaggio stima che possa aspirare a trenta seggi in Italia e a quindici in Germania, e così in Austria, Olanda, Repubblica ceca e Polonia.  

Insomma, mentre Macron gioca a fare l'antisovranista con i confini degli altri e fa la voce grossa contro il Ministro dell'Interno italiano, al tempo stesso twitta riguardo al fatto che l'idea di un mondo globalizzato fosse in fin dei conti sopravvalutata e che la rinascita dei principi nazionalisti nei vari Paesi europei è in fondo una cosa buona. Un colpo al cerchio e uno alla botte, dunque, mentre si ricicla come nemico numero uno di Matteo Salvini. E seppur non volendolo, a giudicare dalla reazione stizzita di Calenda, potrebbe finire per fare un grosso favore alla causa sovranista ed euroscettica e a quella del leader del Carroccio in Italia. 

Commenti
    Tags:
    emmanuel macronmatteo salvinipopulismoangela merkelunione europeabruxelleselezioni europee

    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.