A- A+
Politica
Mattarella, Salvini e la Diciotti, gli italiani: bene l'azione del Colle
LaPresse

Sergio Mattarella ha fatto bene ad alzare il telefono e a far presente al premier Giuseppe Conte che la situazione  con i 67 migranti sulla nave della Guardia costiera Diciotti avrebbe potuto creare dei conflitti fra diversi poteri dello Stato (magistratura e Governo) e all'interno dell'esecutivo stesso (in particolare fra il Ministero della Difesa e dell'Interno). E' l'opinione di circa sette italiani su dieci, interpellati sul tema dal sondaggio promosso da Affaritaliani.it dopo che ieri sera la Diciotti è sbarcata al porto di Trapani dopo l'intervento risolutivo di Conte a cui, come capo del Governo, spetta comunque la titolarità della decisione. 

La telefonata del Colle rientra negli interventi propri del capo dello Stato e non è un atto inusuale per un presidente della Repubblica che è anche presidente del Csm e capo supremo delle Forze armate. La vicenda della nave della Capitaneria di porto (un corpo specialistico della Marina militare) impossibilitata - per il divieto posto dal ministro dell'Interno Matteo Salvini - ad attraccare e la richiesta (sempre da parte di Salvini) di far scendere in manette i migranti dalla nave, di fatto sostituendosi all'attività e alle decisioni della procura hanno sicuramente interpellato Mattarella nella duplice veste.

Il capo dello Stato, nel suo ruolo di arbitro, ha il compito di sorvegliare il corretto andamento della vita istituzionale e dei poteri dello Stato per evitare conflitti e contrapposizioni. E anche operare per smorzare i toni di una discussione all'interno del governo che in questo caso rischiava di diventare incontrollabile. Ecco allora la telefonata a Conte, che a sua volta - quale premier - ha il compito di coordinare e indirizzare l'attività del governo. Una telefonata che è arrivata dopo che l'argomento migranti e Libia era stato affrontato nell'incontro di lunedì scorso tra Mattarella e Salvini. E dopo la decisione da parte di Salvini di non far attraccare in un porto italiano una nave militare italiana.

Ieri sera il Quirinale aveva fatto trapelare come il presidente della Repubblica seguisse con attenzione il caso della Diciotti. Una telefonata con Conte per capire la situazione e comprendere come si sarebbe proceduto, nel rispetto delle regole. Considerando anche l'irritazione crescente delle toghe, che con l'Anm hanno chiesto che non ci fossero interferenze nell'attività dei magistrati. Poco dopo il colloquio con Mattarella Conte - ieri sera alle 21.30 - ha fatto sapere che "sta per iniziare lo sbarco dei migranti che sono a bordo della nave Diciotti. Sono state completate le procedure di identificazione delle persone che erano a bordo, con particolare riguardo a quelle a cui risulterebbero imputabili le condotte che configurano ipotesi di reato. Nei prossimi giorni proseguiranno gli accertamenti, a cura della Polizia di Stato, con assunzione delle informazioni testimoniali di tutte le persone che sono state trasportate".

Una decisione, quella del presidente del Consiglio che ha sicuramente evitato duri confonti tra il ministero dell'Interno e i ministeri delle Infrastrutture (a cui fa riferimento la Guardia costiera), della Difesa (per l'appartenenza della Guardia costiera alla Marina militare) e della Giustizia (l'idipendenza e l'autonomia dell'azione della procura di Trapani). E che ha indirettamente dato respiro al Movimento 5 Stelle, sempre più schiacciato dall'esuberanza del titolare del Viminale. Senza dimenticare che sempre ieri sera è stato firmato dal Colle il dl Dignità, uno dei provvedimenti fiore all'occhiello dei grillini.

Ma i toni che Salvini sta usando in queste ore non sembrano concilianti: il Capo dello Stato in questi giorni "non si è mai intromesso", ha detto ad una radio confermando il diplomatico "stupore" espresso ieri per l'intervento di Mattarella. Mattarella ha insomma probabilmente colto l'occasione per ricordare al mondo politico, e ai partiti di governo in particolare, che il capo dello Stato ha delle prerogative e dei poteri di intervento che gli derivano dalla Costituzione e che non avrà timore (come peraltro dimostrato durante le consultazioni) ad utilizzarli per riportare il dibattito, il confronto all'interno dell'esecutivo nell'alveo di quelle regole indicate dalla Carta.

Tags:
nave diciottiguardia costiera diciottisbarco migranti diciotti

in evidenza
Il fatto della settimana I piccoli calciatori visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
I piccoli calciatori visti dall'artista

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta lascia Sky Sport e passa a Dazn. Ecco cosa farà

Diletta Leotta lascia Sky Sport e passa a Dazn. Ecco cosa farà

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la limited edition della 208 Black Line

Peugeot presenta la limited edition della 208 Black Line

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.