A- A+
Politica
Moro, il senso di Conte per il compromesso. E Grillo che dice?
LaPresse

Sul "Fatto Quotidiano" di ieri, il premier, Giuseppe Conte, intervistato da Marco Travaglio, ha detto: “Il mio modello politico ? Aldo Moro". Moro fu tante cose, nella sua breve ma intensa vita (1916-1978), spezzata dagli spietati "uomini delle Brigate rosse" (così si rivolse a loro Papa Montini, Paolo VI, amico del sequestrato, nel tentativo, vano, di salvargli la vita). Nei primi anni 60, il dirigente dello scudocrociato avviò, vincendo le resistenze dei settori conservatori, Interni ed esterni alla DC, la collaborazione, al governo, con il Psi di Pietro Nenni.

Ma non si oppose all'attenuazione e allo svuotamento del disegno riformatore. Il "cavallo di razza" pugliese, negli anni 70, fu il politico dei rinvii e delle mediazioni. L'ex premier aprì il confronto con il PCI e poi fu l'artefice del "compromesso storico" con Berlinguer, tra le prime ragioni del suo sacrificio, che egli, con coraggio e lucidità, descrisse, vergando lettere, purtroppo non comprese dai destinatari, nella angusta cella del "carcere del popolo".

E fu il politico, che impose gli "omissis" nell'inchiesta parlamentare sulle responsabilità dei settori deviati del SID nel presunto golpe del generale De Lorenzo, poi deputato del MSI dell'ex repubblichino Almirante. Dalla prigione brigatista, Moro si rivolse al colonnello Stefano Giovannone (1921-1985), invitandolo a mediare tra i palestinesi e lo Stato italiano, affinché un gruppo di militanti delle Br fosse rilasciato e portato in Medio Oriente. Una personalità complessa, quella del leader pugliese, avversato dall'altro "cavallo di razza", Fanfani, e odiato da Andreotti, che bocciò, durante la lunga prigionia, la trattativa con i brigatisti, sollecitata dai socialisti Craxi e Mancini.

Rispettabile la stima che Giuseppe Conte ha manifestato nei confronti del suo illustre conterraneo che, a Montecitorio, nel corso del dibattito parlamentare sulle presunte responsabilità del ministro dc, Luigi Giu, arringò, con foga, i deputati dell'opposizione : "Noi non ci lasceremo processare nelle pubbliche piazze e sui giornali !".Il "niet" moroteo al "processo in piazza" era riferito a una famosissima "requisitoria", metaforica, contro il potere e la Dc, vergata dal più aggressivo e indipendente degli intellettuali italiani, Pier Paolo Pasolini, con un articolo stampato dal "Corriere della Sera" il 4 novembre 1974 (esattamente un anno prima della morte dello scrittore) e intitolato "Io So".

Poche ore dopo l'appassionata difesa di Moro, il Parlamento, in seduta congiunta, decise il rinvio a giudizio dei ministri Gui e Tanassi (PSDI). ll processo, alla Corte Costituzionale, si tenne nel 1979: Aldo Moro era già morto. Gui fu assolto, Tanassi condannato a due anni e 4 mesi di prigione. Chissà se Grillo e Di Maio condividono gli elogi a Moro, rivolti dal premier del "governo del cambiamento". Certo, molti storici ricordano l'intervento del politico pugliese, alla Camera, come un atto politico lucido, di difesa dell'autonomia della politica e dello Stato di diritto dall'assalto del populismo, delle "toghe rosse" dei "rottamatori" dell'epoca. e della "religione del sospetto"... Pietro Mancini

Tags:
giuseppe contealdo moro

in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

i più visti
in vetrina
Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.