A- A+
Politica
Opposizione: dopo le due manifestazioni di Roma e Torino non c'è più
LaPresse

Oggi Angelo Panebianco dalla prima pagina del Corriere della Sera ha messo in guardia sui danni dell’attuale mancanza di una opposizione. Nel contempo, il nostro direttore Angelo Maria Perrino, ha firmato un acuto editoriale sui motivi per cui l’opposizione non ci sia.

Ed i motivi di questa scomparsa e impossibilità sono da ricercarsi non in astratte teorie politiche ma nei fatti, gli unici signori incontrastati degli eventi.

La manifestazione di ieri a Roma di Matteo Salvini e la contemporanea manifestazione di Torino dei No Tav (alla faccia delle “madamine” del Pd) chiudono qualsiasi possibilità al Partito Democratico.

La chiudono a destra perché la Lega occupa stabilmente il campo sovranista con i suoi portati di forza e dignità per una nazione, l’Italia, che da decenni è “calpesta e derisa” dai tecnocrati di Bruxelles. Lo chiudono a sinistra con i Cinque Stelle a presidiare tradizionali aree del Pd, come l’ambiente che Matteo Renzi ha colpevolmente trascurato, affidando il ministro allo sviluppista Gian Luca Galletti.

Non per niente invece Luigi Di Maio ha affidato lo strategico dicastero a Sergio Costa che si è fatto subito valere con azioni concrete ad alto impatto ambientale.

Senza dimenticare la misura del reddito di cittadinanza che nessun governo di sinistra aveva avuto il coraggio di varare; anzi, Renzi aveva rifilato ai suoi attoniti elettori il Job Act e l’abolizione dell’articolo 18 che manco Berlusconi al massimo del suo fulgore era riuscito a realizzare.

In questo momento dunque la compagine giallo - verde pare una corazzata inaffondabile e le critiche dell’opposizione hanno l’effetto di fiocchi di neve sparati contro il sole del deserto.

Per di più ci sono pezzi della sinistra vera (non il Pd), rappresentati ad esempio da Stefano Fassina che aveva definito la manovra economica giallo - verde “forte e coraggiosa”, aggiungendo che “la doveva fare il Pd”. Le sue parole meglio di qualunque saggio politico definiscono pienamente la cifra del fallimento del Pd che ha venduto l’anima al diavolo, nonostante i patetici tentativi di un Maurizio Martina di tornare nelle borgate dopo aver per anni privilegiato i ricchi centri storici, tradendo gli originari ideali.

Purtroppo Fassina poi, nonostante le belle parole, ha votato contro la manovra perché il governo non gli ha accolto alcuni emendamenti, ma quanto detto prima resta.

E il povero Nicola Zingaretti si ritroverà vincendo, un partito evanescente che non ha più uno spazio politico dove collocarsi.

I Cinque Stelle ora hanno una prateria davanti, potendo espandersi nelle zone rosse presidiate una volta dal Pd e quando il partito di Grillo se ne renderà conto (il ritorno di Alessandro Di Battista aiuterà la presa di coscienza) ci avvieremo finalmente ad una normale contrapposizione tra destra e sinistra, con la scomparsa storica del Pd dalla scena politica italiana.

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    opposizionesalvinilegagrillotorinosergio costagianluca galletti
    Loading...
    in evidenza
    DILETTA LEOTTA... SENZA SLIP? Guarda la foto che scalda il web

    Belen, sotto il lenzuolo niente

    DILETTA LEOTTA... SENZA SLIP?
    Guarda la foto che scalda il web

    i più visti
    in vetrina
    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia

    Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.