A- A+
Palazzi & potere
Alitalia, nazionalizzare costa 1,2 miliardi. Il governo muove Cdp, Poste e Fs

Il governo è alla ricerca di 1,2 miliardi per nazionalizzare Alitalia. Fondi che Lega e Cinque Stelle hanno intenzione di trovare nella pancia delle grandi aziende pubbliche, scrive la Stampa. Tre per ora quelle che potrebbero essere coinvolte - eventualmente anche tutte assieme - per avere un ruolo importante nel futuro della compagnia: Cassa depositi e prestiti, Ferrovie dello Stato e Poste.Nei ministeri dei Trasporti e dello Sviluppo continua il lavoro per individuare una soluzione per l' ex compagnia di bandiera, che il nuovo governo vuole far tornare nelle mani dell' Italia con il 51%. In tutto per il rilancio dell' azienda servono tra i 2 e i 3 miliardi, da spalmare su cinque anni, e per questo - spiegano fonti di governo - l' obiettivo è riuscire a trovare almeno 1,2 miliardi da aziende pubbliche.

Tags:
alitaliacdppostefs
in evidenza
"From Jesus to Yves Saint Laurent" In mostra le fotografie di Guccione

Culture

"From Jesus to Yves Saint Laurent"
In mostra le fotografie di Guccione

i più visti
in vetrina
Cannabis, anche uno spinello modifica il cervello di un adolescente

Cannabis, anche uno spinello modifica il cervello di un adolescente


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mazda aggiorna il SUV CX-5

Mazda aggiorna il SUV CX-5


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.