A- A+
Palazzi & potere
Anci, da trampolino di lancio a 'Vietnam' degli amministratori Pd

Credeva di aver fatto il grande salto nella politica nazionale, si accorge dopo otto mesi dal congresso di Bari, quando i sindaci lo eleggevano alla guida dell'Anci, di essere seduto sulla bocca di un piccolo vulcano.

Ex sindacalista con frequentazioni giovanili in ambito craxiano, primo cittadino del capoluogo pugliese dopo una breve esperienza parlamentare, pretoriano di Renzi alle primarie in terra di Emiliano, di cui è pure amico; a dispetto delle speranze e delle ambizioni, Antonio Decaro è costretto a misurarsi con i "buchi neri" di una realtà associativa appesantita da una pluriennale gestione burocratica.

Sembra, in realtà, che vada alla ricerca di una via d'uscita per non essere qualificato tra le figure meno rappresentative della storia ultracentenaria dell'Anci. Scelte sbagliate hanno inciso seriamente sugli equilibri finanziari dell'universo Anci.

Due società controllate, Ancitel e Ancitel Energia e Ambiente, dovevano approvare il consuntivo 2016 in pareggio, ma hanno dovuto rivedere i conti, chiudendo entrambe in deficit.

La situazione di Ancitel è la più grave. Il previsto soccorso (pubblico) di Invitalia, necessario ad assorbire una cinquantina di esuberi, stenta a prendere forma. Il freno viene dalla Presidenza del Consiglio e mette i sindacati sul piede di guerra.

In sostanza, Ancitel rischia di andare in bancarotta: oramai la minaccia di licenziamenti cresce di giorno in giorno.

Comunque, Decaro ha fatto scrivere ufficialmente che alcuni debiti verranno garantiti dall'Anci. A questo punto, in sede di approvazione del bilancio, i consiglieri nazionali dovranno confermare prossimamente una scelta tanto impegnativa quanto rischiosa. La situazione può sfuggire di mano.

In effetti, non si respira un'aria di serenità ai piani alti del palazzo di via de' Prefetti, sede dell'Anci. Il feudo del centrosinistra, luogo di elezione da ultimo delle fortune di Renzi e Delrio, si può trasformare nel Vietnam degli amministratori del Pd.

Crescono i malumori e le prese di distanza, tanto da mettere in evidenza i limiti dell'attuale gestione associativa. Decaro sente il fiato sul collo e cerca di capire, anche lui, quanto possa durare e come la leadership renziana. Difficile il mestiere di sindaco, ma ancor più difficile si palesa quello di "sindaco dei sindaci".

Tags:
ancidecaroancitel
in vetrina
Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca

Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca

i più visti
in evidenza
Stalker perseguitava la Ferilli Ora ha il divieto d'avvicinamento

Cronache

Stalker perseguitava la Ferilli
Ora ha il divieto d'avvicinamento


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La Ferrari Portofino è Best Cabrio 2019 per il secondo anno

La Ferrari Portofino è Best Cabrio 2019 per il secondo anno


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.