A- A+
Palazzi & potere
Rai, Mediaset e il dumping televisivo: clamorosa intervista
Foto LaPresse

Onorevole Anzaldi ha sentito, Confalonieri ha accusato la Rai di dumping. Viale Mazzini fa concorrenza sleale a Mediaset svendendo la pubblicità?

Questo, nel caso, dovrebbero stabilirlo le autorità competenti. Grazie al nuovo Contratto di Servizio approvato dal Governo Gentiloni, infatti, Agcom e Antitrust hanno tutti gli strumenti per intervenire. Per la prima volta c’è una precisa norma antidumping.

A quale norma si riferisce?

All’articolo 9 comma 2  del nuovo Contratto di Servizio, che recita quanto segue: 'Al fine di garantire il corretto assetto concorrenziale, la società concessionaria provvede a stipulare i contratti di diffusione pubblicitaria sulla base di principi di leale concorrenza, trasparenza e non discriminazione. Le competenti autorità di settore verificano su base annuale il rispetto dei principi suddetti e del corretto assetto del mercato'. Le authority hanno quindi gli strumenti per fare i dovuti accertamenti e intervenire a tutela del mercato, se ce n'è bisogno.

Di sicuro c’è che l’Ad Salini ha respinto le accuse al mittente, negando pratiche scorrette e ricordando, soprattutto, che la Rai è soggetta a tetti pubblicitari. Una difesa convincente?

Salini sa, o comunque dovrebbe sapere, che è obbligato per Contratto ad evitare pratiche di dumping, altrimenti l’azienda rischia una sanzione. Se Confalonieri ha elementi concreti, se ha prove di quello che dice, le porti alle Authority. Altrimenti è solo confusione mediatica.

A suo avviso Mediaset ha più subito o più beneficiato della concorrenza Rai negli anni in cui a Palazzo Chigi si sono alternati i Governi di centro-destra e di centro-sinistra?

Negli ultimi anni le emittenti commerciali come Mediaset e La7 hanno beneficiato del disarmo della Rai su settori fondamentali. Basta vedere cosa è successo all’informazione: mentre la Rai chiudeva gli spazi, i conduttori passavano alla concorrenza e storiche fasce informative del servizio pubblico, come ad esempio il martedì sera di Raitre, vedevano primeggiare i privati. Altro esempio: la Radio. Le politiche suicide della Rai, con direttori cacciati pur avendo portato a risultati importanti, hanno fatto la gioia ad esempio di Mediaset, che sul settore radiofonico si è rafforzata moltissimo. E la Rai ha perso la leadership.

Mica sospetterà che dietro l’attacco di Confalonieri alla Rai ci sia in realtà un attacco di Berlusconi al Governo giallo-verde?

Sulle questioni televisive mi pare che il Governo M5s-Lega e Berlusconi vadano, in realtà, decisamente d’accordo, visto che l’illegittima riproposizione di Foa alla presidenza della Rai è arrivata grazie all’accordo di Arcore tra il Cavaliere e Salvini, con Di Maio a fare da notaio.

Commenti
    Tags:
    michele anzaldipdfedele confalonieriraimediasetsilvio berlusconiforza italiatv
    in evidenza
    Grande Fratello 16, doppia bomba Due ingressi clamorosi in Casa

    News e gallery

    Grande Fratello 16, doppia bomba
    Due ingressi clamorosi in Casa

    i più visti
    in vetrina
    Royal baby ma non solo. Meghan Markle e Harry: il video per l'anniversario. ROYAL BABY NEWS

    Royal baby ma non solo. Meghan Markle e Harry: il video per l'anniversario. ROYAL BABY NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione

    Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.