Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Comunque finisca, campagna truccata (dal Sì).

In Italia, esperimento di non-democrazia. Resta solo la saggezza degli elettori, mi auguro ci sia.

Comunque finisca, campagna truccata (dal Sì).
Chi scrive (giusto ammetterlo subito) non è in una condizione di neutralità: sono un oppositore di Matteo Renzi e un sostenitore del No, per quanto critico rispetto al modo in cui troppi esponenti del No hanno condotto la campagna referendaria.
 
Ma oggi – davvero – i contenuti non contano. Contano i principi minimi di decenza democratica che dovrebbero essere rispettati in un paese dell’Occidente avanzato.
 
E’ bene si sappia (i lettori non possono saperlo, almeno ufficialmente: ma, ipocrisie a parte, tra corse di cavalli e simil-conclavi, le rilevazioni continuano a circolare, pur malamente travestite) che, fino a pochi giorni fa, la corsa referendaria di Renzi appariva disperata. E, per “pseudo-ippodromi” e “pseudo-vaticanisti”, il Sì continua ad essere in svantaggio.
 
Eppure, siamo dinanzi, da almeno dieci giorni, a qualcosa di inedito nelle democrazie occidentali: sei-sette canali televisivi schierati a corpo morto, tutti i giornaloni in una sola direzione, ondate di lettere a casa-sms-pubblicità web, in una pazzesca violazione di qualunque minima parità di condizioni, e in totale stupro (sì, avete letto bene: stupro) dei principi di correttezza e completezza dell’informazione a cui sono tenuti per legge tutti i canali radiotelevisivi, in una assoluta opacità dei fondi e dei finanziamenti della campagna del Sì. Più il rischio (rischio?) di maxibrogli sul voto degli italiani all’estero.
 
Siamo in un Venezuela alla Maduro, o, se preferite andare indietro nel tempo e cambiare “sponda politica”, in un Paraguay dei tempi di Stroessner. Le autorità di garanzia tacciono, le commissioni di vigilanza dormono, i massimi garanti fanno finta di non vedere. E un pezzo di “opposizione” (le tv Mediaset) sono pienamente parte di questo gioco.
 
Se il No vincerà di stretta misura, vuol dire che in condizioni normali avrebbe vinto di larghissima misura. E se il Sì vincerà sul filo di lana, vuol dire che in condizioni normali avrebbe perso nettamente.
 
Una cosa così non andrà dimenticata. Comunque finisca. Resta l’ultimo appiglio e l’ultimo appello: alla saggezza degli elettori.

 

Daniele Capezzone
Deputato Conservatori e Riformisti
d.capezzone@gmail.com
@capezzone

In evidenza

Michel Houellebecq fotografo La sua mostra a New York
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Volvo serie 40, svelato il concept del nuovo SUV

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.