A- A+
Palazzi & potere
Elezioni 2018, Renzi "Non ha imparato nulla dal Referendum perso"

Il 28 febbraio 2018, per gioco,  una mia amica mi chiese quale sarebbe stato  l'esito delle elezioni e cosiì su un foglietto scrissi le mie percentuali che erano frutto di un ragionamento immediato, istantaneo, che però tante volte avevo elaborato nella mia mente.

 

Forza Italia 14 - 16 %

Questo risultato è  il frutto della capacità comunicativa di Silvio Berlusconi che sa parlare, come pochi, agli italiani.  Egli arriva a toccare i nervi scoperti dei nostri concittadini con una precisione millimetrica, senza dimenticare la grande capacità di trattare i temi cari agli italiani, che poi sono sempre gli stessi da 25 anni a questa parte, pensioni,  reddito, ponte sullo stretto, sicurezza e gli italiani ci ricascono sempre.

 

 

Lega  18%

Anche questo risultato  era prevedibile, semplicemente perchè Salvini per gli italiani rappresenta quello che essi  non sono, ma che vorrebbero essere; irruenza, forza, parlar chiaro e soprattutto capacità di cambiare prospettiva,  di passare  da scissionista a difensore dei confini nazionali. Impensabile fino a qualche anno fa.  E' stato capace di intercettare le angosce degli italiani semplicemente parlando di immigrazione, sicurezza nazionale, sicurezza tra le mura domestiche, partite IVA

 

 

LeU  3,3%,

Questo risultato conferma che gli italiani non sono proprio dei fessi, in quanto ancora una volta quando c'è una scissione la maggior parte degli elettori va da tutt' altra parte e non vota nè chi ha subito la scissione, nè per chi l'ha fatta.

Sciocchi coloro che pensano che per avere una buona affermazione basta mettere insieme solo  grandi nomi al fine di raggiungere un buon risultato.  Non è stato mai così, parlavano del 9% , è stata una grande sconfitta.

Avevo scritto il giorno prima ad Enrico Rossi, governatore della Toscana, perchè tenta di scippare il nostro progetto "Pulizia dei fondali Marini" a favore di Legambiente (con tutte le conseguenze legali che ne verranno) "...dopo il 4 marzo sarete come neve al sole". Così è stato.

Hanno fatto una campagna elettorale solo contro Renzi e senza contenuti.

 

 

Movimento 5 Stelle 33%

E' l'espressione di una capacità di penetrazione nel corpo elettorale, sconosciuta ai vecchi volponi della politica, essi hanno dimostrato che milioni di italiani credono in loro e  meritano rispetto.

Circa 10 anni fa ascoltavo la radio o lessi un articolo dove la voce o lo scritto di Oliviero Beha , diceva o raccontava che,  i 5 Stelle in pochi anni sarebbero diventati il primo partito in Italia. Ascoltai con attenzione, definendo Beha uno sciocco. Aveva ragione lui e gli sciocchi siamo stati  noi  e sono stato  io ,a non credere in questo movimento e  nella forza di quest'idea.

Elettoralmente bravi.

 

Partito Democratico 19%.

Per noi che giriamo l'italia non è una novità il risultato ottenuto dal PD.

L'arroganza e  la presunzione di Matteo Renzi non si limitava solo a Roma , ma ha contagiato  i renziani  sparsi nei territori più remoti , essi sono diventati  dei piccoli Matteo , moltiplicando arroganza e spavalderia, ottenendo un solo risultato,  odio per il partito.

Questo odio si è manifestato in parte  il 4 dicembre 2016 con il Referendum Costituzionale e si è manifestato il 4 marzo 2018.

Se Renzi  si dimettesse  per davvero è probabile che  quest odio si esaurirebbe se invece dovesse  continuare a " giocare da segretario" quest odio si trasformerà in qualcosa di più violento.

In Campania la coppia renziana De Luca-Alfieri doveva fare sfaceli, invece sappiamo come è andata e, non solo non c'è stata l'elezione di Alfieri, ex sindaco di Agropoli, sponsorizzato da 470 amministratori del " suo" territorio, ma c'è stato un segnale chiaro e forte, su dove andrà la Regione Campania.

Mentre noi per i 470 amministratori che hanno firmato pro-Alfieri chiederemo l'intervento della Commissione Antimafia

Però, bisogna precisare che il duo De Luca-Alfieri  non è il frutto di Renzi, egli li ha trovati  già li e li ha scelti perché portatori di tanti voti.

Il segretario  ha sbagliato ancora una volta, non ha tratto nessuna  esperienza dal Referendum Costituzionale e  gli hanno fatto credere che aveva preso il 40%.

 

Dario Vassallo

Presidente Fondazione Angelo Vassallo.

 

Tags:
elezioni 2018dario vassallofondazione vassallo

in vetrina
Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

i più visti
in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.