A- A+
Palazzi & potere
Elezioni anticipate: è pronto il 'dream team' Salvini-Di Battista
Alessandro Di Battista

Elezioni anticipate: l'establishment ha vinto la battaglia ma perderà la guerra. Mattarella ha sbagliato tutto

 

Se arriveranno all'80% come profetizza Massimo D'Alema non è dato saperlo ma certo che le elezioni anticipate sarebbero uno scenario da far tremare i polsi al Capo dello Stato Sergio Mattarella e a tutto l'establishment italiano ed europeo, scrive Italia Oggi. Poteri forti in guardia, dunque. Perché stavolta rischiate grosso, molto grosso altro che quegli striminziti dieci seggi di vantaggio che ora i gialloverdi avrebbero avuto al Senato. Perché c'è un'idea che circola sottopelle in queste ore sull'asse 5Stelle-Lega, far scendere in campo alle prossime elezioni due bomber da loro considerati d'eccezione: Matteo Salvini e Alessandro di Battista come candidato dei 5 Stelle. Non è affatto un caso, si fa notare, il vero e proprio endorsement che il romano Dibba ha fatto al milanese Salvini: «A Salvini si può dire tutto, ma sono anni che veramente si e' impegnato in maniera incredibile. Piaccia o non piaccia ha portato la Lega ad un risultato storico». Una coppia, Di Battista e Salvini, che sarebbe esplosiva nell'Italia di oggi con buona pace dei poteri forti nostrani e non. E sono in molti a far notare come il Colle abbia completamente sbagliato strategia: «Era meglio farli partire tanto con soli dieci seggi di vantaggio al Senato non sarebbero andati da nessuna parte. Sarebbero caduti da soli sulla legge di bilancio. E male che andava, una dozzina di ''responsabili'' da assoldare per far cadere il governo si sarebbero trovati comunque» chiosano tra il serio e il faceto alcuni esponenti dei cosiddetti «poteri forti».

 

Governo, Mattarella doveva lasciarli governare si sarebbero bruciati da soli. Troppo pochi per fare la 'rivoluzione' i 10 senatori di vantaggio a Palazzo Madama

 

Insomma il Colle avrebbe dovuto usare la strategia della limitazione del danno anziché andare al muro contro muro, tattica che da sempre rafforza i populisti. Anche perchè oggi in parlamento c'è pur sempre un piccolo schieramento di Pd e Forza Italia che sarebbero stato utile alla bisogna. Domani, chissà. Pd e Forza Italia rischiano di essere annientati da nuove elezioni.

Ma c'è di più. Perché Silvio Berlusconi avrebbe fatto riflettere, e molto, Matteo Salvini nel corso del loro ultimo, fugace, incontro. «Matteo ma dove credi di andare? Credi di riuscire a fare la rivoluzione in Italia ed in Europa con solo 10 senatori di vantaggio?». Da quel momento Salvini ha cominciato a riflettere se non avesse ragione l'anziano Cavaliere, confidano esponenti vicinissimi al grande capo leghista. «In effetti sono un po' pochini e si rischia di cadere comunque, magari sulla legge di bilancio; non possiamo fare la rivoluzione con una maggioranza così risicata, meglio andare al voto subito ed incassare un ulteriore dividendo elettorale e dopo decidere se proseguire sulla strada della ''rivoluzione'' assieme ai 5 Stelle oppure riprovare a governare assieme a Silvio Berlusconi» raccontano le medesime fonti leghiste.

Da qui i ripensamenti di questi ultimi giorni di Matteo Salvini che a parole sembrava convintissimo di andare al governo con i 5Stelle e Conte ma che in realtà stava usando la «disfida di Savona» per precipitarsi alle urne. E dopo il voto si deciderà che fare, sapendo che la scelta sarebbe dal suo punto di vista «win-win»: governare con Silvio Berlusconi se i numeri del centro-destra lo consentiranno oppure assieme ai 5Stelle capitanati da Di Battista (certamente molto più affine a lui rispetto a Luigi Di Maio) che per via della mancata deroga al secondo mandato potrebbe subentrare a «Giggino». Allora sì, con un'alleanza che andrebbe ben oltre l'attuale 51% di consensi (e ben oltre i dieci senatori di vantaggio nella camera alta) sarebbe possibile mostrare i muscoli in Italia e in Europa e fregarsene dell'establishment (anche perché, si dice, che a loro stavolta potrebbe unirsi anche Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni). Non per nulla gli sherpa dei due partiti già parlano off the record di possibili accordi di desistenza elettorale tra Lega e 5Stelle: della serie: a me Lega tutto il nord e a te 5 Stelle tutto il sud.

Praticamente le due formazioni politiche avrebbero fatto bingo su tutta la linea, continua Italia Oggi. Ecco spiegato anche l'errore strategico commesso dal colle: far saltare il governo Conte, al netto dei torti e delle ragioni di ciascuno, significa riportare presto al voto l'Italia con la conseguenza pressoché certa di consegnare il paese in mano ai populisti senza nemmeno più quel minimo di controllo che ora il colle è in grado di esercitare assieme a Pd e Forza Italia, partiti che uscirebbero con le ossa rotte dalle prossime elezioni. Insomma, l'establishment ha vinto la battaglia ma rischia di perdere la guerra.

Tags:
elezioni anticipatematteo salvinialessandro di battistalegam5s

in evidenza
Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

Spettacoli

Gf Vip 3 cast, colpo di scena
Annunciati 2 nuovi concorrenti

i più visti
in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.