A- A+
Palazzi & potere
Les Echos: l'Europa deve smetterla di continuare a massacrare l'Italia

Les Echos, unico grande quotidiano politico, economico e finanziario francese, è il Financial Times o il Wall Street Journal o l'Handelsblatt per i francofoni di tutto il mondo. Ha per orizzonte il globo ma anche robuste radici nella Francia. Ma la Francia espressa e riflessa in Les Echos è moderna, inevitabilmente mondializzata, non ripiegata sui suoi inservibili straccetti napoleonici che sopravvivono pateticamente solo all'Eliseo. La Francia di Les Echos, scrive Pierluigi Magnaschi su Italia Oggi, è un paese smaliziato e realista che sa di non potersi più permettere di guidare l'intera Europa con due soli motori, quello di Berlino e quello di Parigi. Un'Europa così può stare bene a Macron, che infatti ha preso l'esaurimento nervoso. Ma non va lontano perché due paesi (Francia e Germania) non riescono ad ingoiare altre 25 nazioni come riesce il boa quando ingerisce un vitello. Ci sono dei limiti. Superati i quali si suscita la reazione dei paesi che non ci stanno ad essere ingoiati. Come si sta vedendo in questi mesi.

Quello che stiamo vivendo non è un problema di sovranismo, come spiegano tronfiamente coloro che, in questi ultimi quarant'anni, non ne hanno mai imbroccata una, ma che pretendono di continuare a restare sul loro pulpito sempre più squalificato e comprensibilmente disertato dal pubblico. Il sovranismo è una locuzione sgonfia e posticcia. Sta al posto del fatto che i 25 paesi dell'Europa unita, collocati sinora in posizione subalterna, non sono più disposti a essere condannati quando non a prendere ceffoni da due paesi che, in una strana versione della democrazia, si sono riservati di tenere in mano il timone del Vecchio continente.

Che atteggiamento dovrebbe assumere l'Italia, una nazione di 60,5 milioni di abitanti, secondo paese manifatturiero in Europa, nonché uno dei paesi fondatori dell'Europa Unita, di fronte a un presidente della Francia, Macron, che, pochi giorni dopo essersi insediato all'Eliseo, dichiara che il contratto per l'ingresso dalla Fincantieri nei Cantieri del Nord, pur essendo stato regolarmente firmato dalle parti, è carta straccia e quindi deve essere gettato in un cestino? O che deve subire, sempre da Macron, delle sortite offensive mai sentite prima da un capo di governo nei confronti di un altro paese. Dall'Eliseo infatti si è arrivati a dire che l'Italia «è cinica e irresponsabile» quando non riceve il centomillesimo immigrato via mare mentre la Francia getta giù dal treno persino un'immigrata incinta (che poi morirà a Torino). Il portavoce di Macron, come tutti i servi che, per farsi notare, strillano più del padrone, aveva aggiunto, in quell'occasione, senza che Macron lo smentisse, che gli italiani sono «vomitevoli» e «lebbrosi».

Adesso, quel senso di responsabilità e quello spirito costruttivo di collaborazione, che farebbe grandi due nazioni amiche (Les Echos arriva a dire «nazioni sorelle») ma che non alberga all'Eliseo, vede la luce sulle autorevoli pagine di Les Echos, che mette i puntini sulle i. Eduard Tètreau, l'articolista che ha scritto l'articolo a tutta pagina di cui stiamo parlando, si chiede: «Che cosa abbiamo fatto noi francesi durante tutti questi anni, per l'Italia? Niente, o molto poco. È questa una ragione per infliggere ad essa delle lezioni europee di ortodossia budgetaria e fiscale mentre si ricacciano alla sua frontiera gli emigranti che non vogliamo?».

Les Echos prosegue dicendo: «L'Italia, questo paese e questo popolo che ci assomigliano più di ogni altro al mondo e con il quale noi francesi abbiamo una storia comune di duemila anni, è stata anche la sola a far fronte senza aiuti ai flagelli che le ha inflitto la storia recente e la sua geografia, cioè i terremoti (700 morti dal 2000), la lebbra della mafia e, in un altro registro, i 750 mila migranti che si sono arenati sulle sue coste dal 2011».

Les Echos rileva invece che «da Parigi a Berlino, passando per Francoforte e Bruxelles non si trovano delle parole abbastanza dure per redarguire l'Italia da quando essa si è dotata di un governo non conforme alle attese degli europei virtuosi». «È vero», prosegue Les Echos, «che il convoglio barocco della Lega e del Movimento Cinque Stelle, che ha portato Matteo Salvini e Luigi Di Maio al potere in giugno, non dovrebbe durare al di là della speranza di vita media di un governo italiano dal 1946 a oggi, vale a dire sui 360 giorni».

Tuttavia le principali istituzioni dell'Europa, aggiunge Les Echos, «sembrano assurdamente decise a piegare il prima possibile un governo che è uscito da un legittimo voto democratico, non manipolato da delle potenze straniere. E per riuscire in questo obiettivo minacciano di infliggere a questo supposto cattivo allievo una multa che può arrivare fino allo 0,2% del pil, cioè 3,2 miliardi di euro. Messaggio, questo, subito ricevuto dagli investitori in obbligazioni mondiali che hanno alimentato da quest'ultima estate una guerra contro le finanze dello Stato italiano. Bruxelles, se non riesce a domare l'Italia in altro modo, vorrebbe quindi provocare una nuova crisi dell'euro».

Il bello è che tutta questa tracotanza del vertice europeo contro l'Italia non è giustificata. Infatti con un grande rispetto della realtà dei fatti Les Echos ricorda: «Guardiamo un po' più da vicino il bilancio detto spaventoso che l'Italia si è data per il 2009. Un deficit del 2,4% del pil? Ma di che parliamo? Il deficit francese, nello stesso anno, sarà del 2,6%. Che è sempre meglio del 4,3% che fu imposto dall'attuale commissario europeo Moscovici (che oggi sbava di rabbia contro il governo italiano ndr) quando, nel 2013, era ministro delle finanza francese».

La conclusione di Les Echos? «L'Italia, paese pilastro della costruzione europea dai tempi del Trattato di Roma, merita altre cose che gli insulti e una messa al bando dalla comunità internazionale con il pretesto che i probabilmente transeunti leader politici del momento sarebbero meno presentabili dei governi tecnocratici di Renzi, Monti e Letta che sono tutti falliti nelle urne come nel risanamento dell'economia del paese».

Il coraggio di questa analisi approfondita, autorevole ed onesta avremmo voluto leggerlo sui media e ascoltarlo nei talk show italiani. Venendo da un giornale (che è autorevolmente indipendente) di un paese che, con Macron, si è più volte e volgarmente dimostrato nemico dell'Italia, ci viene spontaneo il motto: «Dagli amici mi guardi Iddio che dai nemici mi guardo io».

Commenti
    Tags:
    europaitalia

    in evidenza
    Nuovo testo per il "Padre Nostro" Cambia il passo sulla tentazione

    Chiesa

    Nuovo testo per il "Padre Nostro"
    Cambia il passo sulla tentazione

    i più visti
    in vetrina
    Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

    Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato un esemplare unico

    Mercedes Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato un esemplare unico

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.