A- A+
Palazzi & potere
Foa in Rai: un grande professionista subito massacrato da politici e media

Da qualche tempo sono interessato a sminare le fake news. Non quelle, grossolane (e anch'esse pericolose, ma neutralizzabili con opportune denunce), che diffondono gli screanzati del web che un tempo avevano a disposizione un paio di interlocutori alticci, a notte fonda, al bar e che adesso invece, disponendo di una tastiera, comunicano, potenzialmente e a costo zero, con il mondo intero. Le fake news, scrive Pierluigi Magnaschi su Italia Oggi, che ho messo nel mio mirino sono quelle di sistema. Prodotte magari dai governi e diffuse acriticamente da fonti giornalistiche ritenute autorevoli che avrebbero l'obbligo di verificarle. Fake news che arrivano contemporaneamente, via tv, nei salotti di tutti e che quindi inducono all'automatismo fideista, basato sul convincimento che «se tutti dicono la stessa cosa» vuol dire che essa è vera. Ieri ad esempio tutti i tg hanno detto che su una nave alla deriva nel Mediterraneo c'erano dei migranti senz'acqua da cinque giorni a 38 gradi. In quelle condizioni sarebbero morti da almeno tre giorni. Il cortocircuito nelle redazioni però è: «Se non diciamo quello che circola, facciamo la figura dei censori. E quindi anche noi, a che quando lo sappiamo, diffondiamo la notizia falsa. Meglio dire la falsità che dare l'impressione di aver preso un buco». Chissene, è la loro conclusione.

Un'operazione di questo genere si è verificata in occasione della designazione a candidato a presidente della Rai di Marcello Foa, un giornalista di straordinario valore internazionale che, in uno sbarramento omogeneo e congiunto, è stato letteralmente raso al suolo, sostituendo al Foa che tutti i suoi colleghi giornalisti dovrebbero conoscere un Foa che non esiste: senza alcuna esperienza professionale, che fa errori ortografici (per aver messo una «h» in un tweet dove non ci voleva: errore peraltro corretto da lui stesso nel giro di due minuti), che tresca con Putin (per aver partecipato a dibattiti sulla rete «Russia Today» in lingua inglese, una trasmissione, questa, diffusa in Italia da Sky sul canale 536); che attacca il presidente della repubblica (per aver dissentito civilmente da lui; come se questo dissenso fosse vietato in democrazia); che è un antivaccini forsennato per aver scritto, attenzione! che «in Svizzera i vaccini non sono obbligatori. La gente può scegliere di non vaccinarsi eppure la popolazione non è particolarmente malata».

I media hanno creato impunemente un mostro che non esiste sul quale hanno subito danzato, in nome dei loro interessi di partito, dei leader che, sapendosi impuniti, hanno recitato il peggio di loro stessi. Marcello Foa, iscritto a nessun partito, è semplicemente un uomo libero. Che possiede uno straordinario orizzonte internazionale. Nato professionalmente in Svizzera alla Gazzetta Ticinese e alla Gazzetta del Popolo (due giornali di straordinario spessore culturale che, quando non c'erano ancora le edizioni digitali, venivano acquistati dall'intelighentia meneghina nelle poche edicole del centro dove arrivavano) fu segnalato a Indro Montanelli dal suo maestro Vittorio Dan Segre, uno dei più noti saggisti internazionali a livello europeo. Foa venne quindi assunto al Giornale dove rimase circa vent'anni come capo del servizio esteri. Non a caso il servizio esteri del Giornale divenne, ed è rimasto, uno dei migliori in Italia.

A un certo punto, Foa è tornato nella Svizzera Italiana al comando del gruppo editoriale del Corriere del Ticino che con controlla altri media fra cui una tv (TeleTicino) e una radio (Radio 3). Nella sua ultima fase a il Giornale, Foa aveva guidato anche il sito internet dello stesso quotidiano. Il candidato alla presidenza della Rai è quindi un giornalista a tutto tondo, con una vasta e consolidata esperienza internazionale (riconosciutagli da molte e autorevoli fonti straniere, sia giornalistico-editoriali che di ricerca) che non conosce solo la carta stampata ma anche tv, radio e mondo web.

Per smontare il meccanismo diffamatorio imparabile contro Foa, imbastito da tutti come se fosse niente, potremmo analizzare l'accusa mossagli di essere al servizio di Putin per avere egli partecipato a dei dibattiti su «Russia Today», la tv all day (cioè 24 ore su 24, diffusa in inglese in tutto il mondo. Tv di questo tipo, che sono i fiori all'occhiello di ogni paese, sono diffuse da tutte le nazioni, persino le più piccole come Israele che diffonde «iNews Israel» visibile in Italia su Sky 537.) Queste all news 24, che sono lo specchio di un paese nel mondo, sono purtroppo e stranamente assenti in Italia perché la Rai, pur avendone i mezzi, non possiede giornalisti capaci di esprimersi perfettamente in inglese e nemmeno politici in grado di interloquire col mondo. Per non disturbare né gli uni né gli altri, ha preferito non farne niente.

Per capire come si costruisce una fandonia partendo da una verità, la trappola è presto disinnescata. La verità è che Foa ha partecipato a qualche dibattito su «Russia Today». La balla si costruisce non facendo sapere che, grazie al fatto che Foa gode di una vasta considerazione internazionale e per di più è un disinvolto poliglotta che, per di più ancora, conosce il mezzo televisivo, egli viene spesso interpellato, come fonte neutrale, si badi, su temi internazionali, anche da diverse altre tv come, ad esempio, la Bbc inglese, Cnbc statunitense, Arte franco-tedesca, Tf1 francese, molte tv svizzere.

Foa quindi sarebbe un ottimo presidente della Rai. Contribuirebbe infatti a sprovincializzarla, dando ai molti professionisti che già lavorano in essa un orizzonte più vasto, riferimenti più moderni, interlocutori più autorevoli. Ma il problema Rai è molto più vasto di Foa. La Rai è un groviglio inestricabile di interessi ove coloro che lottizzavano a rotta di collo, adesso si lamentano che i loro successori lottizzano altrettanto.

La Rai, ai tempi del pentapartito, era un organismo guidato dai partiti politici. Oggi, anche se tutti fanno finta di non accorgersene, è un organismo che governa i partiti politici. La situazione di potere quindi si è completamente rovesciata. Renzi, ad esempio, nella fase creativa e innovativa del suo governo aveva nominato, a capo della Rai, persone di primo piano come Antonio Campo Dall'Orto direttore generale e Carlo Verdelli come capo del settore giornalistico. Per difendersi dalla reazione della casta giornalistica, aveva dotato potere straordinari l'a.d. e aveva svuotato di competenze i consiglieri del cda che, in precedenza, erano i terminali degli interessi politico editoriali interni ed esterni all'azienda. Non c'è stato niente da fare, però. Anche adattando queste precauzioni, Campo Dall'Orto e Carlo Verdelli, che in poco tempo avevano fatto un grande lavoro di ricognizione e di programmazione, sono saltati come dei fusibili. La Rai cosi com'è è infatti diventata è irriformabile.

Ci sarà pure qualche motivo per cui in Uk c'è un solo tg pubblico, quello della Bbc, mentre in Italia ce ne sono tre, più tutti quelli regionali, più una ventina di nuovi canali che si riproducono come delle metastasi , senza che in parlamento nessuno li abbia mai autorizzati. Se il solo problema della Rai (che problema non è) è Foa, siamo messi male. Molto male. E se nessuno lo rileva, non c'è speranza. Ecco perché la gente, che non sa, ma ha capito, vota anche per il peggio (persino contro se stessa) pur di farla finita. Mentre coloro che dovrebbero reagire, sollevano il caso farlocco di Foa e giocano a rubamazzetto fra di loro sulla Rai con carte che valgono sempre meno.

Tags:
raifoa

in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

i più visti
in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.