A- A+
Palazzi & potere

Con Matteo Salvini "non si tratta di litigare. Semplicemente, sono una persona moderata: quando l'asticella si sposta troppo come accadde a Verona, dove c'era gente che andava dicendo che la donna deve stare a casa a pulire, o quando vedo sui social il ministro dell'Interno che imbraccia un fucile, allora dico la mia". Lo afferma, in un'intervista a Repubblica, il vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, che definisce l'ultradestra "un pericolo", invita la Lega a "tornare su posizioni piu' moderate" e a "smetterla con fucili, armi e carri armati". Il governo, dice, "deve continuare. Quattro anni per mantenere quello che abbiamo promesso". In merito allo striscione anti-Salvini rimosso e ai casi simili degli ultimi giorni, "non e' nel mio stile. C'e' un po' di nervosismo, bisogna abbassare i toni, evitare di soffiare sul fuoco", evidenzia Di Maio. Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo assicura di non temere le urne: "L'unica paura che ho e' che l'esasperazione di certi toni possa aumentare il livello di tensione sociale. L'ultradestra e' un pericolo, siamo in democrazia". Quanto al possibile superamento del limite dei due mandati, "non e' all'ordine del giorno". Le alleanze con liste civiche anche nazionali, invece, "sono uno dei cambiamenti di cui le assemblee regionali stanno discutendo". Sulla possibilita' di sacrificare ministeri per tenere in vita il governo, "le elezioni europee servono a costituire il Parlamento europeo. Quelle nazionali ci sono gia' state e gli equilibri non cambieranno", dichiara Di Maio, che blinda il premier: "Il presidente Conte sta svolgendo un lavoro straordinario, la Lega non ha mai chiesto nulla". La premiership al Carroccio "e' uno scenario che non esiste". Parlando dell'azione di governo, "ho lanciato la proposta di un tavolo congiunto per mettere a punto flat tax e salario minimo. Una loro proposta e una nostra, entrambe nel contratto. Lei ha sentito risposte?". Sull'autonomia, prosegue, "ho visto un'informativa di una paginetta. Un punto di incontro si trovera', ma non si pensi di spaccare il Paese in due". In tema di migranti, Di Maio torna a rispondere sul caso Diciotti: "abbiamo rivendicato quell'azione come governo. Anche se la vera risposta all'immigrazione e' la redistribuzione, che ora sta funzionando". Sulle multe per chi soccorre in mare, ipotizzate nel decreto sicurezza bis, "mi preoccuperei piuttosto dei rimpatri. Avevo sentito tante promesse, ma nei fatti c'e' poco".

Commenti
    Tags:
    governoluigi di maiomatteo salvinim5slegagoverno conteautonomiaflat taxelezioni europeesicurezzamigranti
    in evidenza
    Quando le misure contano... Alle donne piace alto. Foto

    Costume

    Quando le misure contano...
    Alle donne piace alto. Foto

    i più visti
    in vetrina
    ROYAL BABY VALE 100 MILIONI il figlio di Meghan Markle e Harry ROYAL BABY NEWS

    ROYAL BABY VALE 100 MILIONI il figlio di Meghan Markle e Harry ROYAL BABY NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mini John Cooper Works: sensazioni racing

    Mini John Cooper Works: sensazioni racing


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.