A- A+
Palazzi & potere
Governo, ecco cosa vuole Mattarella dall'Europa: la grande novità

Mentre i leghisti si arrovellano sul fatto se sia nato o meno il "terzo partito" di governo composto dal Capo dello Stato Sergio Mattarella, dal Ministro dell'Economia Giovanni Tria e dal grande capo della Bce Mario Draghi (ma possiamo tranquillizzarli perchè quel partito è sempre esistito, sin dalla nascita del governo Conte, e ci permettiamo di aggiungere anche il nome dell'attuale Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco) l'obiettivo che in queste ore, rivela Dagospia, sta prendendo quota tra i massimi vertici istituzionali del Paese (anche nelle interlocuzioni del Premier Conte, in queste ore di ritorno dal Vietnam) è se non convenga all'Italia mantenere un posto nel board della Banca Centrale Europea, ovvero nell'esecutivo della Bce, quando Mario Draghi non ci sarà più.

Sarebbe un modo per marcare stretto la cancelliera tedesca Angela Merkel che vuole a capo della superbanca europea Jens Weidmann, attuale presidente della Bundesbank. Ma soprattutto l'Italia continuerebbe ad avere voce in capitolo sulla politica monetaria europea.

Insomma, in queste ore il "terzo partito" sta facendo le sue valutazioni rispetto al ruolo che l'Italia dovrebbe avere in Europa, valutazioni che certamente saranno poco gradite ai dioscuri di governo e leader di 5Stelle e Lega Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Ma il "terzo partito", continua Dagospia, ha le idee ben chiare anche rispetto ai minibot. In realtà, al di la della bocciatura da parte di Mario Draghi, quello che irrita gli esperti del Mef (e che trova d'accordo anche il Premier Conte) è che con questi minibot non si voglia fare altro che tentare di "fregare" l'Europa e quindi bruciare sin dall'inizio il dialogo che il Premier Conte si appresta ad avviare con Bruxelles.

Come? Utilizzando i minibot per fare "cosmesi" dei conti pubblici, ovvero bypassare nella sostanza il famoso limite del 3% mantenendo però ufficialmente l'attuale rapporto deficit/Pil intorno al 2%. Insomma, scrive Dagospia, a Bruxelles e nel "terzo partito" temono che sia soltanto un espediente per aggirare i vincoli europei. Resta poi da capire, ed è tutto da dimostrare secondo fonti del Mef, quanti imprenditori accetterebbero di essere pagati in minibot (cioè con dei "pagherò" da scomputare nelle tasse dell'anno successivo) anziché in moneta sonante: ovvero in euro.

Commenti
    Tags:
    minibotmario draghisergio mattarellagiuseppe contemefgiovanni triadagospiamatteo salvinilegagovernoeuropaeuue
    in evidenza
    Maria Elena Boschi foto sexy con rossetto rosso e tacchi a spillo

    L'ex ministro incanta in Moto Gp

    Maria Elena Boschi foto sexy con
    rossetto rosso e tacchi a spillo

    i più visti
    in vetrina
    Matteo scatena i social. Su Twitter spopola l'hashtag #Renxit

    Matteo scatena i social. Su Twitter spopola l'hashtag #Renxit


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mini Clubman: ecco cosa è cambiato

    Nuova Mini Clubman: ecco cosa è cambiato


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.