A- A+
Palazzi & potere
Governo, ecco perchè sta per cadere

"Non succede ma se succede...". Questo è il mantra che aleggia tra i vertici Cinquestelle quando pensano a quello che potrebbe accadere la prossima settimana a proposito di un'eventuale crisi di governo. Già, perché stavolta il governo rischia grosso, rivela l'informatissimo Dagospia: si fanno sempre più insistenti rumors di possibili defezioni in casa Cinquestelle (Elena Fattori, Matteo Mantero, Virginia La Mura sono solo alcuni dei nomi che circolano in queste ore) defezioni che potrebbero tramutarsi in una vera e propria fronda perchè come raccontano quei pochi parlamentari che in questi giorni sono a Roma "ci sarebbero già diversi senatori pentastellati malpancisti che potrebbero uscire dall'Aula al momento del voto persino in caso di richiesta di fiducia da parte del governo".

Non per niente, continua Dagospia, Giggino Di Maio con il solito audio "rubato" ha fatto prontamente sapere "urbi et orbi" che è intenzionato a punire (ovvero espellere) un bel po' di "gente interna che viene a mettere a soqquadro tutto, a mettere zizzania e crede di potere fare quello che vuole". Ecco, ora sapete con chi ce l'aveva. Ha voluto mandare un "avviso ai naviganti" in vista della prossima settimana, un avvertimento a chi pensasse di fare lo sgambetto al governo e provocare le dimissioni del Premier Conte.

Ma i problemi per Giggino Di Maio potrebbero non finire qui perché se anche il governo ce la facesse a superare l'ostacolo rappresentato dal Sicurezza Bis e a siglare l'ennesima tregua armata con il Capitano leghista, a settembre ci sarebbero altre enormi grane per il "nostro", con l'arrivo del nuovo Capogruppo M5s alla Camera. Già, perchè bisognerà scegliere il successore al fedelissimo Francesco D'Uva che, stavolta, non sarà nominato dall'alto bensì tramite elezione interna (da parte degli stessi parlamentari).

Il punto, scrive Dagospia, è che i due in "pole" per l'incarico attualmente sono Francesco Silvestri e Riccardo Ricciardi, assolutamente non di stretta osservanza dimaiana tanto da non aver mai fatto mancare critiche (il primo) ed essere addirittura considerato vicino ad Alessandro Di Battista (il secondo). Insomma, dopo il governo Di Maio rischia di "perdere" pure il Gruppo alla Camera.

Commenti
    Tags:
    dagospiagovernolegam5smatteo salviniluigi di maiogiuseppe contecameraparlamentocrisi di governo
    Loading...
    in evidenza
    CAST, spifferati 4 nomi a sorpresa E nella Casa entreranno le MILF...

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, spifferati 4 nomi a sorpresa
    E nella Casa entreranno le MILF...

    i più visti
    in vetrina
    LA STAR CON UN PITONE TRA LE GAMBE: GUARDA CHI E'. Le foto delle Vip

    LA STAR CON UN PITONE TRA LE GAMBE: GUARDA CHI E'. Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Militem Magnum: la prima novità del 2020

    Militem Magnum: la prima novità del 2020


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.