A- A+
Palazzi & potere
Governo, se fallisce l'intesa Pd-5Stelle è già pronto il Piano B di Mattarella
Foto LaPresse

L'accordo "s'ha da fare" spiegano fonti qualificate del Partito Democratico lasciando intendere che in alto, molto in alto, si voglia che l'accordo si chiuda al più presto per il bene del Paese, scrive Dagospia. Ma non tutto però sembra andare per il verso giusto: ad esempio, a quanto si apprende, ieri Giggino Di Maio durante il colloquio della vetrata avrebbe dato ampie rassicurazioni al Capo dello Stato sul fatto che si stesse procedendo sulla retta via, ovvero quella dei colloqui con il Partito Democratico.

Il punto però è che il Capo dello Stato avrebbe gradito da Giggino Di Maio uguale chiarezza anche dopo, parlando con i giornalisti. Chiarezza che non c'è stata affatto, anzi, secondo ambienti del Quirinale avrebbe prevalso l'ambiguità. Il terribile sospetto è che ancora una volta la politica si sia dimostrata inaffidabile tanto che nelle ormai famose due ore di "blackout" è stato fatto di tutto per "recuperare", cosa avvenuta solamente con la dichiarazione dei parlamentari pentastellati che in extremis, pochi minuti prima della scadenza delle due ore, annunciava l'avvio dei colloqui con il Pd. Meglio tardi che mai.

Però il Colle non se starà certo con le mani in mano e se la trattativa dovesse fallire, fonti qualificatissime spiegano che è già pronto il piano B: un "governo di decantazione" (con appoggio esterno di Pd e astensione di Forza Italia) per approvare il bilancio, evitare l'aumento dell'Iva e rinviare a gennaio ogni decisione definitiva sul prosieguo o meno della legislatura (e magari aspettare Mario Draghi).

A quanto si apprende, scrive l'informatissimo Dagospia, gli influenti consiglieri del Colle ne avrebbero già discusso ieri, durante l'interminabile "black out". Sarebbero anche stati valutati alcuni nomi, tra i quali quello di Giuseppe Conte. Insomma, se non andasse in porto l'accordo Pd-5stelle sarebbe questo il modo escogitato dal Quirinale per evitare le elezioni anticipate e, soprattutto, fare in modo che Di Maio non torni tra le braccia del Capitano leghista.

Commenti
    Tags:
    governopdm5slegamatteo salviniluigi di maiodagospiasergio mattarellanicola zingaretticrisi di governo
    in evidenza
    La mossa di Renzi scatena i social 'Ora c'è un partito di sinistra'

    Ironia web: 'Assist a Salvini'

    La mossa di Renzi scatena i social
    'Ora c'è un partito di sinistra'

    i più visti
    in vetrina
    Mattone, scelto da 17,9% come investimento. Case indipendenti? Come prima casa

    Mattone, scelto da 17,9% come investimento. Case indipendenti? Come prima casa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Fiat Panda Trussardi: il lusso diventa democratico

    Nuova Fiat Panda Trussardi: il lusso diventa democratico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.