Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Il diktat Ue: "Tenete a bada Renzi" Mattarella rifiuta, Napolitano no

Da Bruxelles chiedono al capo dello Stato di richiamare il premier a un maggior rigore, ma il Quirinale si rifiuta. Così parte il pressing sull' ex presidente. Trova conferma quanto anticipato da affaritaliani nei giorni scorsi...

mattarella fine anno ape

Da Bruxelles chiedono al capo dello Stato di richiamare il premier a un maggior rigore, ma il Quirinale si rifiuta. Così parte il pressing sull' ex presidente. Trova conferma quanto anticipato da affaritaliani nei giorni scorsi…

Giorgio Napolitano è tornato a farsi sentire con la chilometrica intervista a Repubblica di lunedì, apparsa proprio mentre Sergio Mattarella era da poco atterrato a Washington. Quasi che, dopo le dimissioni dal secondo mandato al Quirinale, il presidente emerito si senta in realtà un presidente supplente. E ritenga un obbligo farsi sentire presso le cancellerie europee mentre il suo successore tace. Perché ora, oltre alle esternazioni fuori controllo di Matteo Renzi, a Bruxelles si guarda con preoccupazione il silenzio di Mattarella.

Lo scenario è noto: Renzi attacca Bruxelles e Berlino in ogni occasione buona e in Europa la sua credibilità sta a zero. La burrasca finanziaria scuote i mercati finanziari di mezzo mondo e il nostro premier sta alla finestra, senza rendersi conto che potrebbe crearsi per lui un contesto simile a quello che portò alla caduta di Silvio Berlusconi: sale lo spread, aumenta il rischio del debito italiano, le banche (piene di Bot e Btp) vacillano sotto le tempeste borsistiche.

Bruxelles e Berlino non stanno a guardare soprattutto mentre le oscillazioni di borsa fanno ripiombare l' Eurozona in una fase di estrema precarietà. Il pressing è a tutto campo, a partire dalle scudisciate di Juncker, le taglienti dichiarazioni dei commissari europei, le proteste delle feluche per il nuovo ambasciatore, fino alle schermaglie nel Parlamento europeo: la scorsa settimana in una agitata riunione del Ppe il capo dei popolari francesi, Joseph Daul, ha avuto parole sprezzanti per Renzi.

«Non lo difendono più nemmeno i socialisti», ha detto riferendosi alle critiche del commissario Pierre Moscovici. I delegati del Ncd presenti alla riunione hanno dovuto tacere e incassare.

Ma i leader dell' Ue sono intervenuti direttamente anche su Mattarella. Erano abituati bene con Napolitano, che nel 2011 ha assecondato le manovre delle burocrazie comunitarie pilotando l' ascesa di Mario Monti. Ma Mattarella ha fatto capire che la musica è cambiata. Se avete problemi con Renzi parlate direttamente con lui, sarebbe stato il tono della risposta.

Così il pressing si è spostato nuovamente, scrive stefano filippi sul giornale, sull'«usato sicuro» di Napolitano. Il vecchio presidente emerito si è rimboccato le maniche e con l' intervista a Repubblica si è riproposto come vero garante degli interessi europei in Italia. Il colloquio, ispirato da Berlino e Parigi, è tutto un plauso alla Merkel e Draghi e una felpatissima sequela di rimproveri a Renzi, il quale poche ore prima dopo i pesantissimi attacchi lanciati dall' Africa - era arrivato addirittura a chiedere le primarie per eleggere il prossimo presidente della Commissione Ue. Il messaggio di Napolitano non potrebbe essere più chiaro: «È inimmaginabile qualsiasi svolta senza e contro Berlino».


Condividi su

In vetrina

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
Il video più apprezzato

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it