A- A+
Palazzi & potere
Il governo tecnico? E' un non senso. Non sparate sul consenso

L'espressione "governo tecnico" è un non-senso. Infatti, e nei fatti, o un governo è politico o non è. Poi può non piacere ma un Governo attua linee politico-strategiche nell'interesse generale. Il 4 marzo, nel nostro Paese, i cittadini hanno espresso un chiarissimo desiderio di discontinuità. Negarlo sarebbe negare la già fragile espressione costituzionale del "la sovranità appartiene al popolo".

Questi sono momenti delicatissimi e io penso, per quel che vale, che occorra far lavorare chi sta cercando, tra mille difficoltà e pressioni, di dare all'Italia un Governo nel segno della discontinuità. Non dimentichiamo che siamo in un regime parlamentare e proporzionale; dunque, che l'ottenimento della fiducia al Governo passa attraverso la mediazione continua fra le parti. Un ruolo fondamentale, previsto dalla Costituzione, è affidato al Capo dello Stato. Vedremo.

Al di là dei gossip di queste ore, però, ciò che occorre ben capire è che l'elettorato, il 4 marzo scorso, ha detto chiaramente che i giochini di palazzo non hanno più alcun valore: il disagio si è fatto consenso. L'esercizio in corso da parte dei "giovani leader" deve concentrarsi su un progetto chiaro che sia il più possibile in linea con quanto è stato detto in campagna elettorale e con quanto viene chiesto con grande forza dalla realtà;. Il nostro Paese, non unico nel panorama internazionale, vive il dramma di una crisi globale non risolta che, ancora, incide sulla coesione sociale in termini di crescenti diseguaglianze. Poi c'è il tema decisivo della politica internazionale: le classi dirigenti di governo saranno chiamate a lavorare con grande attenzione rispetto agli impegni internazionali del nostro Paese (In Europa e oltre), non nascondendo le criticità che tutti vediamo e che, in molti casi, subiamo.

Il momento è decisivo. Gli intellettuali e i giornalisti devono osservare con attenzione ciò che accade e lavorare a comprendere che il "premier", chiunque egli  sia, deve incarnare, fino in fondo, una linea politica chiara (deve fare politica "a tutto tondo"). Il "premier" del prossimo Governo dovrà poter guardare negli occhi gli elettori e dire loro, con sincerità, che egli sarà il testimone del cambiamento e che avrà la  responsabilità di dare concretezza progettuale al messaggio inequivocabile venuto dalle urne. Dal 4 marzo è già passato troppo tempo. 

 *Università degli Studi "Link Campus University"

Tags:
governo tecnicoconsensogoverno
in vetrina
Francesca Cipriani, esplosiva in piscina. Guendalina nuda, Belen e…FOTO VIP

Francesca Cipriani, esplosiva in piscina. Guendalina nuda, Belen e…FOTO VIP

i più visti
in evidenza
Silvia Toffanin, addominali e lato b da urlo in vacanza in Francia. FOTO

Costume

Silvia Toffanin, addominali e lato b da urlo in vacanza in Francia. FOTO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
CUPRA rivela l’interno della concept car completamente elettrica

CUPRA rivela l’interno della concept car completamente elettrica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.