A- A+
Palazzi & potere
La solitudine (anche all'estero) del numero primo

Anche la Merkel è sola, come sono soli Hollande e Cameron. Sono tutti soli. In fondo la solitudine del numero primo è una condizione del leader, uno stato di necessità che può tramutare in sindrome se non si dispone di staff autorevoli e di personalità tanto fidate quanto capaci all' occorrenza di esercitare il ruolo del signornò con il capo. Ecco cosa manca a Renzi, ecco cosa lo differenzia dagli altri leader europei: lui è senza rete.

Rottamazione dopo rottamazione, in questi anni il premier ha coltivato la solitudine, facendone un autentico marchio di fabbrica. L' assenza di delega è una caratteristica che lo ha differenziato da tutti gli altri leader, e che non ha precedenti nemmeno in Italia.

Perché persino Berlusconi - che è uomo di eccessi e che si è sempre vantato di aver assunto le migliori decisioni «quando mi sono fatto guidare dall' istinto» - ha avuto degli airbag. Renzi no. Renzi non ha un Gianni Letta a cui è consentito alzar la voce per tentare di fargli cambiare una decisione, né ha un Confalonieri che può entrare nella sua stanza per provare a farlo ravvedere.

E in questa fase, cruciale per le sorti del Paese e per le sue ambizioni personali, il presidente del Consiglio che è anche segretario del Pd, sta misurando la fatica di gestire in prima persona i tanti fronti aperti dentro e fuori i confini nazionali. Concentrato com' è nella sfida in Europa, difficilmente può applicarsi nella guida del partito in vista delle Amministrative, e facilmente può scivolare su una buccia di banana in Parlamento.

Al bivio, Renzi è chiamato a decidere come rilanciarsi, sapendo che la strada del voto anticipato non solo è difficilmente percorribile ma renderebbe evidente - se venisse evocata - il momento di debolezza. Il problema del premier, scrive verderami sul corriere della sera, piuttosto sta dentro due quesiti. Stabilire come e con chi portare a compimento l' azione di governo fino al termine della legislatura, visti i primi segni di tensione con i centristi e vista l' impossibilità di usare maggioranze variabili in Parlamento. E poi organizzarsi uno staff che lo supporti, che sia fidato e autorevole, e che all' occorrenza sappia anche dirgli no. E queste sono le scelte solitarie di ogni leader.

Tags:
solitudine

in vetrina
Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.