A- A+
Palazzi & potere
Madia e la riforma della PA: il punto

Il Ministro Madia riceve i sindacati e sembra dare aperture.
Chiede contributi per elaborare atti di indirizzo, prospetta maggior ruolo di Contratto rispetto a legge, propone di far marciare insieme contratto e Testo unico del Pubblico impiego.
Parla di merito, valutazione, reclutamento e prospetta una PA più efficiente.
Noi dirigenti di Codirp, Unica Confederazione dei dirigenti pubblici, dei dirigenti e professionisti della Repubblica,  presenti in tutti i 4 nuovi Comparti, oltre che in Presidenza, abbiamo messo  in guardia la Ministra da soluzioni - di legge e di contratto - che abbiamo letto ci appaiono confuse e non valide.

La riforma indebolisce e precarizza la dirigenza. 
 

Abbiamo formulato due domande e due offerte, al Ministro. 
 

1) Domandiamo al Governo di aiutarci a frenare la campagna mediatica contro la PA e la sua dirigenza. Serve rispetto per tutti i servitori dello Stato onesti e competenti. 

In concreto, alcune misure proposte nella legge Madia - che apprezziamo nei principi di delega che propone -,non aiutano ad aumentare tale rispetto. Un esempio: quando si dispone che il dirigente valutato negativamente e senza incarico può retrocedere a funzionario e nulla si dispone sulla progressione di carriera che può/deve avere il dirigente bravo, efficace e competente, non si lancia in segnale di grande fiducia nella categoria. Dobbiamo correggere ciò nei decreti delegati. Correggere subito per evitare "effetto Del Rio" ( codice appalti  corretto dopo 2 mesi con marea di errori)
 

Offriamo collaborazione al Governo e invitiamo - con espresso riguardo alla Area delle Funzioni centrali - a valorizzare la formazione quale strumento per la reale riuscita della Riforma, come già avviene per le altre Aree Sanità e Scuola e Ricerca. Questioni specifiche sulle gravi realtà dei dirigenti della sanità, della scuola e delle professionalità sanitarie le segnaleremo a parte in appositi e specifici documenti confederali.
 

Per la mobilitá tra le funzioni, serve aggiornamento. É una spesa di investimento che deve essere prevista nel CCNL. Ci offriamo di parlarne.
 

2) Domandiamo il rinnovo del CCNL e lo che chiediamo a gran voce. Chiediamo che il rapporto di lavoro dei dirigenti e professionisti pubblici sia disciplinato dal Contratto collettivo, e che cessi la disciplina di fonti non contrattuali del rapporto di lavoro. 

Chiediamo che il CCNL  assegni risorse (aumenti) in base al principio prestazione/controprestazione. Il contratto di lavoro non è assistenzialismo e grave sarebbe far passare il segnale di aumenti proporzionati al reddito, invece che alle prestazioni rese. Diverso concetto è quello della riduzione della forbice retributiva che esiste - a parità di prestazioni - nei vari ambiti. 

Chiediamo un sistema di relazioni sindacali per la dirigenza che sia rispettoso del ruolo e della funzione dirigenziale, e, dunque, incisivo sui temi dell'organizzazione del lavoro.
 

E offriamo una proposta concreta. 

Premessa e antefatto del rinnovo contrattuale, così come della discussione sui decreti delegati sulla riorganizzazione della PA è la rilevazione di quale sia la forza effettiva delle risorse disponibili sulle quali la pubblica amministrazione può contare per attuare meccanismi di miglioramento e di diversa organizzazione. Perché la PA sia motore e promotore del proprio cambiamento è necessario partire dalla fotografia delle risorse umane, della organizzazione e allocazione delle pstesse. Occorre rilevare quante siano le consulenze, i rapporti di lavoro coordinati e continuativi e comunque quanti siano tutti i rapporti di lavoro in essere con la PA di personale non dipendente, non subordinato, a titolo oneroso e a titolo gratuito. L’obiettivo è verificare non siano esternalizzati servizi e funzioni che normalmente devono essere resi all’interno dell’apparato pubblico. Situazioni eccezionali di affidamento all’esterno devono essere, infatti,adeguatamente motivate e limitate a specifiche situazioni. Il monitoraggio preliminare deve riguardare anche tutti gli affidamenti di servizi e di appalti in essere nelle pubbliche amministrazioni. 

Pari rilevanza ha la necessità di rilevare la effettiva distribuzione degli uffici, delle funzioni dirigenziali tra centro e territorio, anche al fine di verificare la funzionalità dei parametri e del sistema di soggetti valutatori che si proporranno.

La richiesta è antefatto dell’apertura di trattative o discussioni relative alla riforma della PA anche alla luce delle conferme pervenute dal rapporto della Corte dei Conti sul costo del lavoro pubblico per gli anni 2010-2015 (Relazione 2016 – Rapporto sul costo del lavoro pubblico adottato con delibera a Sezioni Riunite n. 8/2016). Emerge, infatti, che “si conferma anche nel 2015, il trend della spesa per redditi da lavoro dipendente che nel periodo 2010-2015, cioè negli anni interessati dalle misure restrittive…, registra una diminuzione complessiva di quasi 11 miliardi pari a poco più del 6 per cento….La diminuzione della spesa di personale è risultata in tutti gli anni considerati di gran lunga superiore alle aspettative.
Speriamo che la Ministra ascolti la sua dirigenza e non considera le audizioni e gli incontri con noi misure dilatorie...! 


 

Barbara Casagrande
*Segretario Generale Codirp e Unadis

Tags:
madia
Loading...
in vetrina
Grande Fratello Vip 4: BARBARA ALBERTI ABBANDONA LA CASA (MOMENTANEAMENTE). E IL TELEVOTO...

Grande Fratello Vip 4: BARBARA ALBERTI ABBANDONA LA CASA (MOMENTANEAMENTE). E IL TELEVOTO...

i più visti
in evidenza
Usa choc, Kobe Bryant morto Schianto con il suo elicottero

'C'era anche la figlia 13enne'

Usa choc, Kobe Bryant morto
Schianto con il suo elicottero


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan LEAF NISMO RC debutta in Europa

Nissan LEAF NISMO RC debutta in Europa


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.