A- A+
Palazzi & potere
Morire è un diritto, vivere anche. A proposito di Charlie
Advertisement

Dio è morto", diceva Nietzsche sbagliando, sbagliando perché nel 2017 Dio è vivo e vegeto ed è un tribunale inglese che ha condannato a morte, col sostegno della Corte Europa, Charlie Gard, un bambino di dieci mesi; la sua colpa? Quella di essere ammalato.

Se però Charlie è colpevole di non poter vivere senza l'ausilio di alcuni macchinari noi, tutti, abbiamo la colpa di aver creato una società che s'indigna, urla e protesta per la soppressione di un cane (protesta anche condivisibile, ci mancherebbe) mentre però assiste impassibile ed inerte alla morte di un bambino.

Oggi però non muore solo Charlie, con lui muoiono anche l'umanità e la libertà, cadute sotto una sentenza che pesa come un macigno e che snatura il senso stesso di Stato rendendolo, di fatto, arbitro assoluto della vita (e della morte).

Qualcosa di simile è si già accaduto, ma nel 1939 con l'attuazione del programma "Aktion T4", il piano nazista per l'uccisione dei disabili mentali e dei portatori di gravi malattie genetiche, il paragone può essere forte ma il principio di fondo è il medesimo: una vita controproducente e dannosa per la società e per l'individuo stesso va eliminata.

Il messaggio che arriva dalla Corte di Strasburgo, anche se successivo alla sentenza del tribunale inglese, è poi forse il più incomprensibile, come può un organo che dovrebbe tutelare i diritti umani negare così platealmente il diritto alla vita e alla libertà di scelta?

Chi scrive, badate bene, è assolutamente favorevole all'eutanasia come possibilità per i soggetti affetti da malattie terminali particolarmente aggressive e dolorose, favorevole proprio in rispetto di una libera scelta del singolo, quel singolo che, se capace di intendere e volere o col tanto discusso "testamento biologico", è l'unico a poter prendere una decisione in tal senso, o meglio così dovrebbe essere.

La questione, allora, non è un qualche tipo di visione religiosa che vuole la vita sacra in senso assoluto, anzi, il punto focale è proprio la concezione di stato laico che rispetta le scelte in un campo in cui le decisioni spettano esclusivamente al singolo (in questo caso ai genitori).

Davanti ad un caso come questo, poi, fa male vedere che le battaglie a favore dei diritti siano spesso a senso unico e senza possibilità di appello, se è vero che decidere di morire, in particolari condizioni, è un diritto, e per me lo è, dovrebbe esserlo anche decidere di vivere e fare di tutto per migliorare la propria condizione o quel del proprio bambino.

Se poi "il criterio è uccidere un bimbo perché tanto è destinato a morire, allora uccideteci tutti, perché la vita è una malattia mortale."

Giacomo Tamborini 

Tags:
charlieeuropa
in vetrina
Asteroide gigante punta la Terra. Osservando la traiettoria...

Asteroide gigante punta la Terra. Osservando la traiettoria...

i più visti
in evidenza
"Guede stuprò e uccise Meredith" Amanda Knox un fiume in piena

"INCHIESTA CONTAMINATA"

"Guede stuprò e uccise Meredith"
Amanda Knox un fiume in piena


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW Serie 3 Touring, ora anche ibrida plug-in

Nuova BMW Serie 3 Touring, ora anche ibrida plug-in


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.