A- A+
Palazzi & potere
Rai, ha vinto la Lega. Piano industriale a rischio. Salini ora che farà?

In viale Mazzini, scrive in un informatissimo retroscena Dagospia, ci si chiede come cambieranno gli equilibri interni dopo la vittoria "senza se e senza ma" del Capitano leghista Matteo Salvini alle elezioni europee di domenica scorsa.  "Inutile pensare che tutto ciò non avrà riflessi nelle logiche interne dell'azienda", spiegano dal settimo piano: "da sempre la Rai è lo specchio del paese e lo sarà anche questa volta". Tanto che, proseguono le medesime fonti, già si ragiona sui futuri organigrammi come ad esempio quello, già Dagoanticipato in tempi non sospetti, di un possibile avvicendamento tra Gennaro Sangiuliano e Giuseppe Carboni alla guida dei rispettivi Tg con quest'ultimo "retrocesso" al Tg2 ed il primo "promosso" al Tg1 (ci sarebbe da tempo il via libera di Matteo Salvini all'operazione). Ma per il Tg1 (ormai a rischio sorpasso da parte del Tg5) c'è anche un'altra carta che il nuovo assetto Rai potrebbe giocare ed è quella di Fabrizio Ferragni, gradito a Foa e da pochi giorni sostituito alla guida dei rapporti istituzionali per volontà dell'Ad Salini. Salini che in questa fase appare sempre più debole e nel mirino del carroccio tanto che a viale Mazzini imperversano i rumors che lo vorrebbero presto o tardi sostituito da Marcello Ciannamea. 

E potrebbero esserci problemi anche per il definitivo via libera al nuovo piano industriale: non ha ancora ricevuto l'ok da parte del Mise, il Ministero di Di Maio, ed è fermo in Vigilanza per il parere consultivo. Una vigilanza che in quanto organismo parlamentare non potrà non risentire dei nuovi equilibri politici. Ci vorranno ancora mesi prima che potrà esprimere il parere (elezioni anticipate permettendo) dovendo ancora fare numerose audizioni in merito (Usigrai, Fnsi, Mise, Mef, Ordine dei Giornalisti e così via). 

Ma in casa Rai, continua ancora Dagospia, in queste ultime ore gli analisti del marketing stanno facendo anche i conti con i risultati relativi all'audience dei programmi elettorali: c'è soddisfazione per gli ottimi risultati di Bruno Vespa su Rai Uno mentre c'è delusione per i bassi ascolti degli speciali elettorali di Tg2 e Tg3, letteralmente surclassati da Enrichetto Mentana su La7 che si è piazzato secondo assoluto mandando Ko la Rai2 di Freccero e la Rai3 di Coletta.

Commenti
    Tags:
    railegagennaro sangiulianotg1tg2giuseppe carbonifabrizio ferragnidagospiamatteo salvinifabrizio salinifreccerocolettala7enrico mentanabruno vespatg3rai2rai3
    in evidenza
    LAETITIA CASTA, COVER NUDA Dalla Isoardi a Belen... Le foto

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    LAETITIA CASTA, COVER NUDA
    Dalla Isoardi a Belen... Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Temptation Island 2019 KATIA LACRIME PER... Temptation Island 2019 news

    Temptation Island 2019 KATIA LACRIME PER... Temptation Island 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Honda-E, la city car di moda

    Nuova Honda-E, la city car di moda


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.