A- A+
Palazzi & potere
Roma: Cassazione, accuse infondate contro l'ex sindaco Marino. Clamoroso

"Infondatezza della ipotesi accusatoria", perche' "non e' configurabile il delitto di peculato nel caso in cui non sia fornita giustificazione in ordine al contributo erogato per l'esercizio delle funzioni di natura pubblicistica": "L'illiceita' della spesa" non puo' essere fatta derivare "da tale mancanza", ma occorre comunque "piena prova dell'appropriazione e dell'offensivita' della condotta, quanto meno in termini di alterazione del buon andamento della pubblica amministrazione". Cosi' la Cassazione spiega perche', il 9 aprile scorso, decise di assolvere "perche' il fatto non sussiste" l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino, imputato per peculato e falso nel processo sulla rendicontazione degli scontrini di alcune cene di rappresentanza pagate con la carta di credito del Campidoglio. La Suprema Corte ha accolto il ricorso presentato da Marino contro la sentenza, emessa in appello l'11 gennaio 2018, che lo aveva condannato a due anni. L'ex sindaco era stato invece assolto in primo grado. Nella sentenza depositata oggi, la sesta sezione penale del 'Palazzaccio' evidenzia che i "giustificativi delle spese erano stati presentati" ma che la Corte d'appello, "con una motivazione del tutto inadeguata" li aveva ritenuti "falsi". I giudici di piazza Cavour osservano che, "ad eccezione di due soli di quei documenti per i quali era stata accertata una difformita' nella indicazione della qualifica commensale del sindaco, casi nei quali l'imputato aveva convincentemente spiegato essersi trattato di probabili imprecisioni commesse dai suoi collaboratori nella compilazione di documenti, peraltro avvenuta a distanza di tempo dai relativi eventi", in "tutti" i giustificativi di spesa "vi erano annotazioni che potevano collegare ciascuno di quegli incontri conviviali ad altrettanti eventi, svoltisi nella stessa giornata, spesso poco prima delle ore serali, ai quali Marino aveva partecipato nella veste di sindaco, dunque per finalita' certamente istituzionali". Con un "riscontro soggettivo", inoltre, relativo a 4 casi contestati, "era stato possibile appurare che Marino aveva effettivamente cenato con rappresentanti di altre istituzioni per discutere di questioni attinenti alla citta' di Roma", rileva la Cassazione, affermando che si tratta di "situazioni nelle quali vi era piu' di una mera presunzione in ordine alla natura pubblicistica di quelle spese, rientranti nella categoria delle legittime 'spese di rappresentanza' in quanto destinate alla realizzazione di un fine istituzionale dell'ente che le sostiene, per essere strumentali a soddisfare la funzione rappresentativa esterna dell'ente pubblico ovvero aventi il fine di accrescere il prestigio della sua immagine e la diffusione delle relative attivita' istituzionali".

Commenti
    Tags:
    romacassazioneignazio marinoscontrinipdcomune di roma
    in evidenza
    Vacanze green per gli italiani 3 su 4 in malghe, frantoi e cantine

    Green

    Vacanze green per gli italiani
    3 su 4 in malghe, frantoi e cantine

    i più visti
    in vetrina
    Lapo Elkann ha una nuova fidanzata: Laila, una modella africana. FOTO

    Lapo Elkann ha una nuova fidanzata: Laila, una modella africana. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Classe A e B entrano nell’era nell’ibrido plug-in di terza genera

    Mercedes Classe A e B entrano nell’era nell’ibrido plug-in di terza genera


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.