A- A+
Palazzi & potere
Tangentopoli non è mai finita: ecco perchè. I misteri irrisolti

"Una nuova tangentopoli? Tangentopoli non e' mai finita". Per Antonio Di Pietro, gia' magistrato simbolo del pool Mani pulite che a partire dal 1992 porto' alla luce la prima tangentopoli, la maxi-inchiesta della Procura di Milano segnala la pervicacia del fenomeno corruzione in Italia. "Il fatto che la corruzione riemerga e si scoprano i reati vuol dire che le forze di contrasto reagiscono. Mani pulite ebbe una rilevanza mediatica altissima perche' per la prima volta veniva aperto l'armadio del malaffare. Ma quell'armadio viene sempre rifocillato", dice l'ex pm. - Tangentopoli, pero', diede un colpo mortale alla prima Repubblica. Oggi come valuta la classe politica? "Che ci sia stato un ricambio e' vero ed era necessario. Pero', sia chiaro: anche prima c'erano politici onesti, non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ne' c'entra l'appartenenza a questo o quel partito: la distinzione e' sempre tra le persone". - Ma vede similitudini tra la tangentopoli di allora e oggi? "Confrontando gli esiti dell'inchiesta attuale con quella che conducemmo 25-27 anni fa mi sembra di poter dire che il sistema e' sempre quello: semmai si e' persino abbassato il livello qualitativo. Non voglio dire che ci fosse una nobilta' nella mazzetta di allora. Ma oggi mi sembra che ci si attacchi a qualsiasi cosa per racimolare denaro o favori. Torna attuale il termine che inventai a suo tempo, 'dazione ambientale': non siamo piu' di fronte ne' a una corruzione ne' a una concussione, la tangente si da' perche' fa parte del sistema. E c'e' un degrado ancora peggiore: il sistema delle tangenti si e' ingegnerizzato. Oggi la mazzetta si paga anche attraverso finte consulenze mensili, magari con lo scarico in dichiarazione dei redditi". - La corruzione si batte con le leggi o il tema e' culturale? "E' un problema culturale per definizione. La legge fissa la pena una volta che il reato c'e' stato. Ma il paese migliore e' quello in cui il reato non viene commesso, non quello in cui viene scoperto. Serve impegno per far capire ai cittadini che non conviene commettere un reato. E serve certezza della pena. Nel nostro sistema, invece, prevale la convinzione che tanto la si fa franca. Ultimamente sento ripetere l'adagio 'combatteremo l'evasione fiscale', poi arriva un nuovo provvedimento per la pace fiscale: e' una contraddizione che porta a pensare che tanto c'e' il modo per farla franca". - Cosa pensa degli ultimi provvedimenti anticorruzione? "Le leggi anticorruzione e' meglio farle. Anche l'ultima, la spazzacorrotti, e' insufficiente, ma non e' una buona ragione per non farla. E il daspo ai corrotti che cosi' non possono piu' tornare nella pubblica amministrazione e' un fatto positivo. Ma non basta. E' opportuno che si fermi la prescrizione con il rinvio a giudizio. Contestualmente, pero', vorrei un sistema processuale che permettesse di avere risposte in tempi brevi: mesi, non anni. Per questo servono due interventi. Il primo e' una riforma del processo penale: attualmente e' un ibrido tra un sistema accusatorio e uno inquisitorio e si allungano i tempi, si fanno piu' volte le stesse cose, ci sono tre gradi di giudizio quando in altri paesi ce ne sono due, bisogna rifare in fase dibattimentale cio' che si e' fatto in istruttoria. Il secondo e' una forte depenalizzazione. E poi va aumentato il personale".

Commenti
    Tags:
    tangentopolicorruzionepartitipoliticaantonio di pietrolegaforza italiam5s
    Loading...
    in evidenza
    "Renzo Arbore? Una leggenda E quella volta che Ed Sheeran..."

    Nick The Nightfly racconta 30 anni di radio ad Affari

    "Renzo Arbore? Una leggenda
    E quella volta che Ed Sheeran..."

    i più visti
    in vetrina
    ALESSIA MARCUZZI SENZA REGGISENO E CHE LATO B! Le foto delle vip

    ALESSIA MARCUZZI SENZA REGGISENO E CHE LATO B! Le foto delle vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo rinnova la Giulia e Stelvio MY 2020

    Alfa Romeo rinnova la Giulia e Stelvio MY 2020


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.