A- A+
Palazzi & potere
Usa-Russia: Trump e Putin stanno costruendo dei nuovi equilibri

Sono sempre stupito e preoccupato (per loro, ovviamente, oltre che per i loro lettori) nel rilevare come fior di colleghi, magari anche seri e documentati, perdano la loro lucidità quando decidono di entrare nelle confortevoli, anche se mortificanti, fila del giornalista collettivo, nonostante le pesanti smentite che essi ricevono costantemente dai fatti, scrive Pierluigi Magnaschi su Italia Oggi.

Il giornalista collettivo, tanto per fare pochi esempi, aveva spergiurato sui gas nervini posseduti da Saddam Hussein (anche se poi uno come Tony Blair che quella balla aveva contribuito a diffonderla con tutti i suoi mezzi, Bbc inclusa, riconobbe, ma anni dopo, che erano fake news). Lo stesso giornalista collettivo si era stracciato le vesti per il successivo uso degli stessi gas da parte di Assad. Una settimana fa, in proposito, la speciale commissione dell'Onu incaricata di accertare l'uso dei gas nervini in Siria ha detto che anche questa era una balla. Ma la conclusione è stata pubblicata, in Italia, solo da ItaliaOggi.

Non parliamo della sempre negata possibilità che Trump potesse essere eletto presidente degli Stati Uniti. Il giorno degli spogli la corrispondente dagli Usa della Rai, una implacabile filo-hillariana con la data del timbro postale, continuava a negare la vittoria di Trump anche quando tutti i dati la confermavano, comportandosi come la tizia che viene trascinata nella polvere dalla corriera nella portiera della quale le si era impigliata la gonna. E che dire della matematica certezza, sempre da parte del giornalista collettivo, del fallimento del referendum sulla Brexit?

Lo stesso copione si è ripetuto in occasione del recentissimo incontro fra Trump e Putin ad Helsinki. Anche in questo caso, il giornalista collettivo ne ha puntualmente descritto lo svolgimento e la conclusione, addirittura prima che l'incontro avvenisse. Poi ha fornito tutte le informazioni relative al lungo colloquio fra i due statisti anche se questo si è svolto alla sola presenza degli interpreti ufficiali, selezionati sì per la loro competenza linguistica ma soprattutto per il fatto che essi sono più muti di un pesce.

La conclusione dell'incontro, secondo il giornalista collettivo, è che Trump, nel corso dell'incontro di Helsinki, si è fatto portare in giro da Putin, al quale ha addirittura chiesto che gli fornisse un adeguato guinzaglio per poterlo seguire più docilmente. Siamo, non all'analisi provocatoria (sempre benvenuta a proposito di temi che sono così complessi) ma all'analisi barzelletta.

L'incontro invece, pilotato da Trump, anche se, come al solito, lo ha fatto sgangheratamente con i suoi tweet, è stato sornionamente seguito da un Putin connivente, che ha adottato il basso profilo perché aveva capito che, per ottenere il massimo vantaggio, non doveva prendere l'iniziativa ma limitarsi giocare di sponda con Trump. Il presidente degli Stati Uniti ha infatti infilzato, a Helsinki, i vertici della sua amministrazione e le frattaglie del suo partito (quello repubblicano) che da troppo tempo si ostinano, per pigrizia e abitudinarie rendite di posizione, a non tenere conto di che cosa è successo nel mondo dopo il crollo del Muro di Berlino (che si è verificato nel 1989, quasi due generazioni fa!).

Non si capisce, francamente, come l'establishment americano (formato dai grandi movimenti politici, dai vertici del Pentagono, dalle potentissime centrali di intelligence, dai centri di ricerca più o meno universitari lautamente finanziati da tutti) continui a vivere la Russia come se essa fosse ancora l'Urss. Cioè una minaccia diretta, adeguata e ineliminabile, dalla cui gestione si esce (nella logica, appunto, della Guerra fredda) o come vincitori o come sconfitti. Stupisce che cervelli indubbiamente molto sofisticati, che dispongono, come si diceva, di èquipe potentissime di analisti (di gran lunga le migliori, per il momento, nel mondo) non abbiano capito che al mondo bipolare Usa-Urss, sostituito provvisoriamente da un mondo monopolare (dove cioè, nel ruolo di gendarme del mondo, c'era solo un paese, gli Usa) si sta sostituendo, sempre più visibilmente, un mondo tripolare formato da Usa, Cina e Russia.

Se questa è la realtà dei fatti e delle evoluzioni, il problema attuale degli Usa è quello di operare affinché uno dei tre gendarmi del mondo si allei ad essa, se non altro per evitare che possa essere indotto ad allearsi con la Cina. Ma è impossibile per gli Usa potersi alleare con la Russia se quest'ultima viene continuamente provocata militarmente e politicamente. Il parlamento degli Stati Uniti, non solo il suo presidente, per quanto potentissimo, nel momento in cui l'Urss implodeva, per non aggiungere, a danno di Mosca, altri problemi, si era lungimirantemente impegnato a non approfittare delle difficoltà russe per allargare la sua influenza a danno di Mosca in Europa orientale. Invece sotto le successive presidenze Clinton, Bush jr e Obama gli Usa hanno continuato a estendere la loro area di influenza fino a promuovere (in collaborazione con esponenti nazisti) l'abbattimento del legittimo presidente dell'Ucraina, la sua sostituzione con un loro fantoccio e il tentativo (per fortuna impedito dalla Merkel) di far entrare l'Ucraina nella Nato.

Una politica di questo genere spinge inevitabilmente la Russia a rizzare il pelo, inducendola ad esibire un'aggressività che Putin invece ha avuto il merito, sinora, di tenere sotto tono. Per molto meno, l'allora presidente degli Usa, John Kennedy, minacciò così credibilmente di scatenare una guerra nucleare, quando Kruscev cercava di installare missili sovietici sull'isola di Cuba, da indurre le navi sovietiche che portavano questo carico a l'Avana a fare improvvisamente dietrofront quando esse si trovavano già in pieno Oceano Atlantico.

Trump a Helsinki, contravvenendo ai desideri del delirante ma tuttora potentissimo establishment da Guerra fredda degli Usa, ha giocato la carta dell'intesa con Mosca, sottraendo, di fatto, questo immenso ma economicamente debole paese all'abbraccio con la Cina. Il percorso è ovviamente solo all'inizio ma è anche molto promettente. L'anello debole, in questo processo, è sicuramente costituito dall'Europa che non è mai stata in crisi come adesso, ma la cui naturale propensione a collaborare con la Russia è stata a lungo e spesso brutalmente frustrata dall'amministrazione americana che si è sempre impegnata a impedire un'integrazione (o anche solo una collaborazione) commerciale con la Russia come anche Trump ha tentato di fare ancora poche settimane fa contro la Merkel, rea, ai suoi occhi, di aver sostenuto la realizzazione del gasdotto del Nord che, a sentire Washington, metterebbe il Centro Europa ai piedi di Mosca.

A Helsinki quindi Putin non ha messo il guinzaglio a Trump, né viceversa. Entrambi invece hanno deciso di costruire rapporti meno conflittuali e prevenuti. Un'altra volta quindi il giornalista collettivo ha preso una sonora cantonata. Meno male, c'è da dire. Purtroppo non a vantaggio della credibilità dei media che continuano nella politica di Tafazzi.

Tags:
usarussiatrumpputin

in evidenza
"Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

i più visti
in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.