A- A+
Politica
Pd, cresce il fronte dei dialoganti col M5s. No di Martina, Calenda e renziani

Pd sempre più in ordine sparso. Ad acuire in queste ore le divergenze interne al Partito Democratico è il decreto Dignità di matrice grillina. Mentre cresce, infatti, il numero delle aperture a un provvedimento giudicato in alcuni suoi punti 'di sinistra', si registra un secco no da parte di esponenti di peso.

Ad aprire le danze è stato stamattina Graziano Delrio. "Io penso che noi dobbiamo dialogare certamente con i 5 Stelle, perché questo dialogo è utile al Paese. Con la Lega non ci sono le condizioni per un dialogo vero, sui provvedimenti. Con i 5 Stelle ci potrebbero essere. Ma dipende molto se loro non si schiacciano sulla Lega. Perché questo è il punto. Questo governo ormai ha un’agenda dettata continuamente dalle esternazioni, dalle promesse di Salvini”, ha detto il capogruppo alla Camera del Partito democratico, ad Agorà Estate RaiTre.

''Con queste modalità" il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio "non aiuterà i precari ad esser stabilizzati. Con le cose che propone nel decreto lui farà in modo che le imprese, le piccole imprese, licenzino i ragazzi che sono assunti a tempo determinato'', ha aggiunto.

Sulla stessa linea Dario Franceschini, che nei giorni scorsi aveva detto: "Abbiamo il dovere di dialogare con l'elettorato dei 5 Stelle", e anche Andrea Orlando secondo cui il Pd deve appoggiare la stretta sui contratti a termine e la parte sulle causali prevista dal Decreto Dignità. "Noi - ha spiegato - dobbiamo fare da sponda ai grillini quando fanno cose di sinistra, perché dobbiamo puntare a staccarli dalla Lega. E questo decreto incide negativamente sulla base sociale del Carroccio, perciò perché dovremmo cavargli le castagne dal fuoco dicendogli solo dei no?"

Immediato il controcanto dei renziani. "E' un decreto fantasma, pieno di ipotesi nefaste per il lavoro - ha tuonato il capogruppo Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci -. Il Pd farà un'opposizione nettissima al decreto dignità. Nelle bozze che sono circolate, non esistono incentivi per i contratti stabili ed il rischio di lavoro nero aumenterebbe a dismisura. Ipotizzare un occhio di riguardo del Pd è fuori dal mondo".

Tweett calenda m5s decreto dignità
 

Anche Matteo Orfini chiude senza appello ai 5 Stelle: "Io veramente a volte non riesco a capirci. Il decreto dignità è un pasticcio, che farà danni: farà crescere il lavoro nero e lascerà per strada molti che oggi hanno un regolare contratto a tempo determinato. Un partito di opposizione di fronte a un provvedimento del genere si organizza e cerca di rappresentare proprio quei lavoratori che subiranno un danno serio da questo provvedimento". "Invece da noi inizia un dibattito assurdo: dobbiamo sostenerlo perché così facciamo sponda a Di Maio contro Salvini e riusciremo a convincerlo a governare con noi - prosegue il presidente del Pd su Facebook -. O peggio, siccome modifica il jobs act è giusto a prescindere perché se lo votiamo diamo un segnale di discontinuità rispetto a quanto fatto prima. E così interloquiamo meglio con Bersani e D'Alema. Una posizione è dettata dal tentativo di fare una manovra di palazzo. L'altra dall'ennesimo gioco ad alimentare lo scontro interno in chiave congressuale".

Nell'elenco non poteva mancare l'alter ego di Renzi, Maria Elena Boschi. "L'idea di votare a favore del Decreto Legge pseudo dignità del governo Salvini-DiMaio è assurda. È un decreto che va contro la storia del @pdnetwork. E che soprattutto vacontro il futuro dell'Italia, creando lavoro nero, non lavoro stabile", ha twittato.

Secco no al decreto anche da parte di Carlo Calenda.  "Leggo che una parte del @pdnetwork vorrebbe votare a favore del cd 'decreto dignità' per riavvicinarsi al M5S. Sarebbe un errore mortale. Il decreto è un pasticcio e andare dai 5S con il cappello in mano sarebbe incomprensibile e indecoroso. Urge smentita @maumartina".

E Martina si è fatto sentire. "No, non penso che sia votabile per i contenuti annunciati. Non affronta i veri nodi aperti in particolare per sostenere sul serio il lavoro stabile", ha detto il segretario Pd, Maurizio Martina, entrando al Nazareno.

 

 

Tags:
pddelrio

in evidenza
"Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

i più visti
in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.