A- A+
Politica
Renzi, D’Alema, Bersani: la sinistra dei 'fratelli coltelli' verso il ko

Siamo già oltre i tre squilli di tromba. La campagna elettorale è partita a sciabole sguainate e per almeno sei mesi la politica fa la sua guerra in un bicchier d’acqua, con gli italiani spettatori, il Paese nel tunnel. Fra due mesi si vota in Sicilia e Matteo Renzi, dato il possibile flop del Pd, mette le mani avanti: “Non sono uno stress test per le elezioni nazionali”. Di contro, Massimo D’Alema aprendo la campagna di Fava ribatte: “Nessuna intesa col Pd che ha scelto Alfano”.

E’ la guerra di trincea dei “fratelli coltelli”, per uno scampolo di effimera gloria nella storia minore, per un tozzo di pane o per una poltrona, fa lo stesso. Risultato? La seconda regione d’Italia già sbrindellata, contesa fra centrodestra resuscitato dal miraggio di un nuovo potere e M5S outsider, sinistra out. Una sconfitta annunciata sia per il Partito democratico che per la costellazione alla sua sinistra. Renzi e i suoi, da una parte, e l’articolato fronte degli anti piddi, dall’altra, hanno un solo obiettivo: la sconfitta reciproca. Soprattutto per questo il voto in Sicilia rappresenta un test per le elezioni politiche di primavera, con le varie formazioni della sinistra, dal Pd alle frange più radicali, l’una contro le altre armate, decise a farsi del male: mors tua vita mea. Poi, dopo la batosta, anzi dopo le batoste, si rimpalleranno le colpe.

La storia si ripete: in sostanza fu così di fronte al nascente fascismo, fu così di fronte alla Democrazia Cristiana, fu così di fronte a Tangentopoli e alla discesa in campo di Silvio Berlusconi e persino di fronte al “vaffa” antipolitico grillino. Lacerazioni interne a tutti i livelli, antiche e nuove, di ampia e profonda natura, dai nodi ideologici e politici a beghe personali e di potere, guerriglie infinite che nella base e negli elettori creano delusione, sconcerto, disorientamento togliendo ogni credibilità a chi proclama di voler salvare una Nazione ricucendo un tessuto sociale e politico lacerato  mentre non sa neppure governare la propria casa e non sa tenere i suoi sotto lo stesso tetto. Così il cittadino non solo non sa più qual è il confine fra destra e sinistra ma s’infila nella scorciatoia del “tutti uguali” abbandonando il campo dell’impegno politico fino all’astensione dal voto.

Per altro un “tutti uguali” non frutto di esasperato qualunquismo ma basato sulla realtà, con una crisi generale profonda che evidenza ancor di più l’inadeguatezza dell’attuale classe politica, incapace persino di uno scatto d’orgoglio per arginare il populismo e l’antipolitica, di contrastare quel “partito dell’odio”, mai sazio, alla fine pronto a divorare anche chi lo ha alimentato e cavalcato. “Siamo alla rottura del sistema dei partiti – ammonisce il 90enne ex Pci Emanuele Macaluso -  con la sinistra nel suo momento più basso. Un bracciante aveva una cultura politica più alta di quella che oggi ha un dirigente del Pd”. Parole come pietre. Anche se quel bracciante siciliano, così come l’operaio e l’artigiano emiliano e torinese seguirono ingabbiati dal “centralismo democratico” la linea di un partito nato da una scissione rovinosa che voleva fare “in Italia come in Russia”, una teorica via nazionale al socialismo togliattiana fra luci e ombre, cercando in un mal digerito “compromesso storico” berlingueriano la risposta alla “conventio ad exludendum” per quella agognata ma mai raggiunta stanza dei bottoni, rimasti alla fine orfani di quel partito e dei suoi ideali politicamente e storicamente falliti.

Quei nodi mai sciolti, quelle risposte mai date, fra illusioni ridotte a fuochi di paglia, hanno portato a questa sinistra sbandata e senza anima, a questo Pd né carne né pesce, a questo sistema politico autoreferenziale, di furbetti e furboni, di incapaci e arrivisti.La campagna elettorale siciliana, impostata e gestita dai leader nazionali, dimostra quanto poco o nulla contino i programmi, le proposte, le alleanze utili non solo a cercare consensi ma a risolvere i gravi problemi quotidiani della gente. E’ vero: con il proporzionale (sarà con questo sistema che si voterà per le politiche) il tema delle alleanze viene dopo il voto.

Ma la sinistra tutta brancola nel buio rispetto ai programmi e alla leadership da proporre agli italiani. Forse peggio. Per i fuoriusciti del Pd (e i loro vicini di condominio) tutto si riduce a fare e a volere l’opposto di quel che fa e vuole il partito di Renzi. Con Matteo in campo, nessun dialogo, nessun percorso insieme, niente di niente. Di fatto, nostalgici su una zattera alla deriva della storia, fuori dai grandi giochi politici, meno quelli che riguarderanno poltrone e strapuntini.  Per il Partito democratico, passata la botta che subirà in Sicilia, Renzi riproporrà se stesso e la sua linea, pari pari. Un disastro elettorale annunciato con l’unico sbocco possibile di una maggioranza “anomala”,  un centro-sinistra (si fa per dire) che partorisce il governissimo Renzi-Berlusconi, con Matteo premier e il Cav “burattinaio” a tirar fili e raccoglierne i frutti.

A Gentiloni e a Minniti piacendo. Il primo è uomo da sagrestia, mai sgomitando, caso mai facendosi chiamare (più di una volta) pronto quale “umile servitore” del partito e dello Stato. Il secondo era e resta comunista d’ordine per dare ordini, uomo d’attualità specie per il bubbone dei migranti: amato da pochi e odiato da molti, leader sì, ma da elettorato minoritario. Allora? Si rischia un voto inutile. Incapace cioè di formare una maggioranza per un esecutivo purchessia. E il gioco ricomincia. Ma è il gioco dell’oca. Berlusconi gode. Anche Matteo?

Tags:
matteo renzimassimo d'alemapierluigi bersanipd

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.