A- A+
Politica
Renzi si dimette se le elezioni vanno male per il Pd. Tutta la verità


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Il presidente del Consiglio attende con ansia i risultati delle elezioni regionali e comunali di questa domenica. Man mano che si sono avvicinate le urne il premier-segretario ha abbassato l'asticella. Dalla vittoria 7 a 0 di qualche mese fa è passato prima al 6 a 1 e poi addirittura al 4 a 3. Segno tangibile ed evidente che, come Affaritaliani.it scrive da settimane, le previsioni al Nazareno e a Palazzo Chigi sono tutt'altro che positive. Il 7 a 0 ormai viene escluso, anche perché pare che perfino nel Pd diano alemno dieci punti di vantaggio per Luca Zaia su Alessandra Moretti in Veneto.

Restano tre certezze a Renzi: la Toscana, le Marche e la Puglia. In queste tre Regioni la vittoria non sembra in discussione. Ma in Liguria e in Campania la situazione è confusa e complicata e specie in Liguria, l'"Ohio" del leader dem, potrebbero esserci colpi di scena inattesi. Se Caldoro e Toti dovessero avere la meglio su De Luca e Paita per Renzi si metterebbe davvero male. Quantomeno un rimpasto sarebbe inevitabile e un'apertura alla minoranza interna su scuola e riforme istituzionali. C'è l'Umbria, dove il successo anche se di misura del Pd non è più così scontato come lo era un mese. Il 'worst case scenario' ipotizzato al Nazareno contempla una sconfitta 4 a 3 con l'Umbria di poco al Centrodestra, guidato dal popolare sindaco di Assisi Claudio Ricci. Se davvero fosse queste il risultato, fonti renziane e della sinistra Pd confermano ad Affari che le dimissioni del segretario da premier sarebbe molto probabili.

A quel punto Renzi vorrebbe evitare di consegnarsi alla sinistra dem e di dover scegliere continuamente a compromessi, meglio - dicono i rumor - giocarsi tutto alle Politiche (convinto che finirebbero diversamente dalle Regionali) per annientare una volta per tutte le minoranze dem. E' evidente che non si può votare in agosto e quindi servirebbe un esecutivo del Presidente, ovvero garantito da Sergio Mattarella, con l'unico compito di modificare la nuova legge elettorale e renderla valida anche per Palazzo Madama per poi tornare alle urne in autunno o a febbraio-marzo del 2016. Il premier di transizione potrebbe essere Piero Grasso, presidente del Senato, mentre Laura Boldrini avrebbe chance soltanto nel caso di un'improbabile asse sinistra Pd-M5S-Sel che però difficilmente avrebbe i numeri in Parlamento.

Tags:
matteo renzirenzipdpremierdimissionigovernoesecutivomattarellapartito democraticoelezioni regionaliregionalielezioni
in vetrina
Melissa Satta e Kevin Prince Boateng, tutti gli indizi del ritorno di fiamma

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng, tutti gli indizi del ritorno di fiamma

i più visti
in evidenza
Katia, show fotonico in giardino E' la resa dei conti per tre...

TEMPTATION ISLAND 'FINALE'

Katia, show fotonico in giardino
E' la resa dei conti per tre...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford

Missione Apollo 11: sulla luna c’era anche Ford


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.