Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Renzi, Job act in agenda già giovedì. Ma è caos sulle unioni civili

Dopo il discorso di investitura a neo segretario democratico di Matteo Renzi, non si fa altro che parlare del Job act, il piano di lavoro che il Partito democratico si accinge a mettere un atto entro un mese. Al piano Renzi e i suoi cominceranno già a lavorare da giovedì prossimo, quando è in programma una nuova segreteria.

Renzi, lavorerà accanto al deputato  Yoram Gutgeld, cervello economico del renzismo. È lui che coordina la rete di consulenti che sta mettendo a punto l’intera linea economica del timoniere Pd. Ma in cosa consiste la novità del Job Act? Renzi vuole introdurre un unico contratto di lavoro indeterminato-flessibile per tutti i giovani al di sotto di una determinata soglia di età.

VIA I CO CO PRO - In pratica sarebbero cancellati i contratti a progetto introdotti con la legge Biagi e per i neoassunti il reintegro per giusta causa sarebbe sostituito da un indennizzo. Mentre per chi è già nel mercato del lavoro da tempo, resterebbe in vigore l'articolo 18. Il nuovo contratto indeterminato per i neo assunti non prevederà la protezione del reintegro dell’articolo 18. Ma questo - chiariscono dallo staff di Gutgeld - non vuol dire abolire l’articolo 18, bensì di stabilire fin dall'inizio un indennizzo in caso di licenziamento e comunque di garantire alla persona che perde il posto di lavoro sia un sussidio di disoccupazione adeguato sia la possibilità di riqualificazione professionale.

IL TEMPO INDETERMINATO - Il contratto a tempo indeterminato non si tocca e nello stesso tempo si va a dare un’alternativa al precariato. Altro punto chiave del capitolo impiego è la necessità di semplificare il Codice del lavoro e il rilancio dei Centri per l'impiego. I centri per l'impiego, infatti, non funzionano, intermediano tra il 3% e l'1% dei contratti di lavoro, contro il 20% dell'Inghilterra,

CAOS UNIONI CIVILI - "La richiesta di Matteo Renzi di inserire le unioni civili per le coppie dello stesso sesso nel patto di governo non appare una via praticabile, se non al costo di un suo ulteriore immiserimento. In quel patto andrebbe piuttosto scritto che su questo tema, come per la legge elettorale e l'abolizione del Senato, ci si tiene le mani libere in parlamento". Cosi' il senatore del Partito Democratico, Sergio Lo Giudice, primo firmatario della proposta di legge sul matrimonio non discriminatorio in discussione in Commissione Giustizia del Senato."Matteo Renzi aveva proposto il modello inglese delle civil partnership con step-childadoption - ricorda Lo Giudice - Quella legge non risolve la questione del pari trattamento di fronte alla legge, tanto che il premier Cameron lo ha sostituito con il matrimonio, unica parola di uguaglianza. Tuttavia estende tutti i diritti matrimoniali e la possibilita' di adozione dei figli del partner alle coppie lesbiche e gay. Ma sembra che qualcosa sia andato perduto nella traduzione: oggi si parla di un disegno di legge sulle unioni civili aperto alle coppie omosessuali come a quelle eterosessuali che non affronta il tema dei figli che vivono all'interno della coppia. Nella versione italiana - conclude il parlamentare ex presidente di Arcigay - perdono di senso sia la civil partnership, cioe' un istituto forte riservato alle coppie dello stesso sesso a cui estende gli stessi diritti del matrimonio, sia la step-child adoption, cioe' l'adozione dei figli del/la partner, ribaltando cosi' gli impegni assunti da Renzi durante le primarie. Lost in translation? Conto che Renzi voglia declinare in italiano gli impegni assunti in inglese".




COSA PENSI DI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su

aiTV

Previsioni meteo per lunedì, 22 dicembre
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

In vetrina

Macchè crisi... Belen e Stefano senza veli in piscina

In evidenza

Libri & Editori

“Diario a mio padre” di F.Testa sopravvissuta allo Tsunami

Francesca Testa, sopravvissuta allo Tsunami che devastò la Thailandia nel 2004, ripercorre dopo dieci anni quei terribili momenti.Il ricavato a sostegno della Fondazione A.M.R.M. per la Ricerca medica

I sondaggi di

Secondo te, chi ha maggiori possibilità di sconfiggere Matteo Renzi alle prossime elezioni politiche?

L'opinione di Mediolanum
we chat

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it