A- A+
Politica
Governo, Verdini-Tosi 'stampelle' di Renzi. Pronte le 'ricompense'


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Tutto come previsto. L'Aula del Senato ha bocciato la mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni (M5S, Forza Italia e Lega Nord) al governo Renzi sullo scandalo delle banche. Di fatto, nonostante le dichiarazioni ufficiali che arrivano dal Pd, è nata una nuova maggioranza. L'esecutivo del segretario del Pd ha ottenuto il sostegno dei verdiniani del Gruppo Ala e delle tre senatrici di Fare! (dopo che martedì pomeriggio Flavio Tosi ha incontrato a Roma lo stesso presidente del Consiglio). Il passaggio parlamentare a Palazzo Madama certifica senza ombra di dubbio che da oggi Renzi non ha soltanto l'appoggio di Area Popolare (Alfano-Casini) e degli ex montiani di Scelta Civica, ma anche di Verdini e Tosi.

Come anticipato da Affaritaliani.it, né Ala né Fare! entreranno direttamente nell'esecutivo, d'altronde non conviene nemmeno al premier, per non scatenare l'ira della minoranza dem, e anche Alfano sarebbe contrario perché ci sarebbe l'inevitabile ridimensionamento di Area Popolare. Si andrà avanti fino al referendum costituzionale del prossimo autunno con le due "stampelle" - Ala e Fare! - che di fatto garantiscono un appoggio esterno a Renzi, ovviamente a Palazzo Madama dove i numeri sono più risicati. Ma dopo aver "ricompensato" i verdiniani con le tre vice-presidenze di Commissione, il premier sta già pensando alla seconda "ricompensa" per i due gruppi alleati dell'esecutivo.

Il punto chiave sono le prossime elezioni politiche, che si terranno quasi certamente a febbraio-marzo 2017, comunque vada la consultazione referendaria. In questi mesi si cercherà di modificare l'Italicum per consentire la formazione di coalizioni (al momento il premio di maggioranza è solo per il primo partito). In questo caso si costituirebbe un raggruppamento di centro (Area Popolare-Scelta Civica-Ala-Fare!) che correrebbe alleato del Pd alle Politiche. Se invece non si riuscisse a cambiare la legge elettorale (non tutto il Pd è d'accordo e anche il segretario-premier ha dei dubbi), nelle liste democratiche ci sarebbe spazio per gli alleati di centro. Si parla di un 10% di posti riservato ad Area Popolare, l'8% ad Ala e il 3-4% a Scelta Civica e Fare!. Alla luce di questo scenario si capisce chiaramente perché verdiniani e tosiani si sono schierati contro le opposizioni salvando così Renzi e il Pd. Tutto si tiene.

Tags:
banchesfiduciasenatogoverno renzirenzipdalafare!tosiverdini

in vetrina
Aida Nizar senza slip? Cecilia Rodriguez topless e la Canalis...

Aida Nizar senza slip? Cecilia Rodriguez topless e la Canalis...

i più visti
in evidenza
Icardi, svolta sul suo futuro L'annuncio di Wanda Nara

Sport

Icardi, svolta sul suo futuro
L'annuncio di Wanda Nara

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari SP38, l’ultima nata del programma Ferrari One-Off

Ferrari SP38, l’ultima nata del programma Ferrari One-Off

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.