A- A+
Politica
Verdini (o Berlusconi) al posto della sinistra Pd. Il piano di Renzi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Nuova regolamentazione degli scioperi. Riforme istituzionali. Rai. Eurotassa. Tagli alla sanità. Il tutto dopo la Buona Scuola e l'Italicum. Matteo Renzi - con le eccezioni delle unioni civili e dell'Imu alle scuole cattoliche (temi sui quali comunque verrà trovato un compromesso) - sta proseguendo nel suo lento cambio di maggioranza che prevede la sostituzione della sinistra Pd con una parte (o tutta) di Forza Italia. L'ingresso di Denis Verdini e dei suoi fedelissimi è il primo step del mini-Nazareno o, come qualcuno sospetta, del Nazareno-bis. L'uscita di Fassina e Civati dal Pd e la prospettiva di costruire la Syriza italiana sta scavando un solco tra il segretario-premier e la minoranza del suo stesso partito. I vari Bersani, Speranza, Cuperlo, D'Alema e Bindi potrebbero presto decidere di lasciare il Pd renziano per contribuire alla costruzione di un nuovo soggetto politico di sinistra. L'ex sindaco di Firenze sembra assecondare questo processo attraverso scelte di governo sempre meno di sinistra.

La riforma degli scioperi e il nuovo Senato potrebbero segnare la definitiva rottura con la sinistra dem e il cambio di maggioranza. Ma i verdiniani non sono più di 9-10 a Palazzo Madama e i senatori della minoranza Pd pronti a seguire le sirene di Tsipras (declinate nella Syriza italiana) sarebbero 20 o forse addirittura 25. Ed è così che il pensiero corre inevitabilmente a Silvio Berlusconi. Il leader azzurro, ormai sempre più isolato dopo gli addii di Fitto e Verdini, sarebbe tentato (e spinto dai figli e dai vertici di Mediaset e Fininvest) dall'idea di riallacciare i rapporti con Renzi e la maggioranza piuttosto che seguire Salvini e la Meloni nell'opposizione dura e pura al governo. Berlusconi spera di poter tornare a sedersi sui tavoli che contano (la Rai in primo luogo) dopo la rottura con Palazzo Chigi sull'elezione di Mattarella al Quirinale. Il premier, quindi, starebbe favorendo lo spostamento al centro degli equilibri politici sui quali si regge l'esecutivo senza escludere, in caso di bisogno, di ricorrere al soccorso di Berlusconi. Sapendo perfettamente che l'ex Cav non vuole le elezioni e teme la leadership del Centrodestra di Salvini.

Tags:
maggioranzagovernoesecutivorenziverdiniberlusconisindacati
Loading...
in vetrina
LA STAR CON UN PITONE TRA LE GAMBE: GUARDA CHI E'. Le foto delle Vip

LA STAR CON UN PITONE TRA LE GAMBE: GUARDA CHI E'. Le foto delle Vip

i più visti
in evidenza
CAST, spifferati 4 nomi a sorpresa E nella Casa entreranno le MILF...

GRANDE FRATELLO VIP NEWS

CAST, spifferati 4 nomi a sorpresa
E nella Casa entreranno le MILF...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Militem Magnum: la prima novità del 2020

Militem Magnum: la prima novità del 2020


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.