A- A+
Politica
Revenge Porn, intesa trovata: la Lega fa dietrofront sulla castrazione chimica

Revenge Porn: trovata intesa unitaria. La Lega fa dietrofront la castrazione chimica

Revenge Porn, trovata intesa unitaria. La relatrice del Movimento 5 Stelle Ascari, ha proposto un testo che recepisce quelli presentati la scorsa settimana da Boldrini e Forza Italia. A sei giorni di distanza dallo scontro in aula, con le deputate di Forza Italia e Pd che occupavano i banchi per protesta per la bocciatura del reato di revenge porn, l'intesa è stata trovata. Il primo annuncio è arrivato dal Movimento Cinque Stelle: "C'è soddisfazione per l'accordo raggiunto. In aula porteremo un emendamento che è stato condiviso con le altre forze politiche. Siamo contenti che sia stata trovata una soluzione". Dunque è arrivato l'ok della commissione giustizia della Camera a un emendamento condiviso presentato dalla relatrice pentastellata Stefania Ascari. Con le opposizioni che hanno rinunciato a presentare i sub emendamenti.

Sulla castrazione chimica per chi compie violenze sessuali - dopo un'iniziale pressing della Lega e incontri di mediazione tra Carroccio e 5Stelle - è arrivato il dietrofront. Annunciato dalla ministra Giulia Bongiorno, che l'aveva sostenuto. Il dibattito sul revenge porn è ripreso stamattina dal punto in cui si era interrotto la settimana scorsa, quando il presidente Roberto Fico aveva messo in votazione, a scrutinio segreto, un emendamento di Laura Boldrini che introduceva il reato di revenge porn. Bocciato per soli 14 voti di scarto. Il presidente, invece, non era riuscito a fare votare un emendamento analogo della forzista Zanella, bloccato da un lungo dibattito sull'ordine dei lavori e l'interpretazione del regolamento. E quando sembrava di potere procedere al voto, con il parere negativo della relatrice, Fico aveva dovuto sospendere la seduta perché le deputate forziste  avevano occupato i banchi del governo.

La successiva conferenza dei capigruppo aveva deciso di rimandare la discussione ad oggi. Fra polemiche iniziali quando i 5 Stelle hanno presentato una proposta di legge al Senato chiedendo di discutere e approvare solo quella. Le opposizioni, invece, li hanno invitati a votare subito l'emendamento in discussione a Montecitorio, accusandoli di volere solo rinviare per piantare una bandierina elettorale e propagandistica.

Nel frattempo è scoppiata una polemica fra le deputate del Pd e Matteo Salvini. Il ministro dell'Interno, infatti, ha annunciato stamattina da Cagliari  l'intenzione di "creare un telefono rosso che permetta alle donne di denunciare e di essere ascoltate e protette". Ma la deputata dem Lucia Annibali replica: "Salvini mostra di non sapere di cosa parla e di utilizzare le donne solo per fare propaganda. Vuole creare qualcosa che già esiste. Il 1522, numero nazionale antiviolenza - spiega Annibali - è stato istituito dalla presidenza del consiglio dei ministri nel  2006 e nel 2013 ha integrato l'assistenza alle vittime di stalking con la legge 38/2009. Il ministro dell'interno dovrebbe informarsi prima di parlare".  E la sua collega Alessia Rottta aggiunge: "Matteo Salvini non finirà mai di stupirci per la faccia tosta con cui riesce a fare  campagna elettorale sulla pelle delle donne. Questa volta è toccato alle vittime di violenza, a cui promette la creazione di un 'telefono rosso', spacciando per nuovo un servizio in vigore da anni".

Revenge porn, via libera dalla Camera: c’è l’aggravante social

Approvate le norme che puniscono chi diffonde video o immagini a contenuto sessualmente esplicito destinati a rimanere privati: carcere fino a sei anni e sanzioni fino a 15mila euro. Pene aumentate se i fatti sono commessi “attraverso strumenti informatici o telematici”.

Previste aggravanti se il reato è commesso dal partner o da un ex con diffusione via social: la pena è aumentata se i fatti sono commessi dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici.

Commenti
    Tags:
    revenge pornlegam5scastrazione chimicacommissione giustiziasalvinicodice rosso
    in evidenza
    Addio alla star di Easy Rider Ma il padre lo voleva farmacista

    E' morto Peter Fonda

    Addio alla star di Easy Rider
    Ma il padre lo voleva farmacista

    i più visti
    in vetrina
    Lady Gaga e Bradley Cooper insieme in Italia: vacanze d’amore? LADY GAGA NEWS

    Lady Gaga e Bradley Cooper insieme in Italia: vacanze d’amore? LADY GAGA NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Debutta XCeed il crossover firmato Kia

    Debutta XCeed il crossover firmato Kia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.