A- A+
Politica
Salvini chiude i porti con le navi del dem Colaninno

Tutti contenti: il governo, Forza Italia e il Partito democratico. O almeno un suo parlamentare: l’onorevole Matteo Colaninno, deputato alla terza legislatura con il Pd. Come scrive il Fatto Quotidiano, il motivo dei sorrisi bipartisan è la consegna, avvenuta tre giorni fa a La Spezia, di una nuovissima nave alla Marina militare. Un mezzo ad alta tecnologia (per la precisione: Unità Navale Polifunzionale ad Alta Velocità) realizzato da Intermarine, società che dal 2004 fa parte del gruppo Immsi. Da qui il collegamento con Colaninno: la holding , un colosso di oltre 1 mld di euro di fatturato, fa capo alla famiglia del deputato dem e di suo padre Roberto che l’ha acquistata nel 2002 dalla galassia Telecom.

Quindi mentre dal Viminale arriva la stretta sui migranti, con la promessa di impiegare le navi militari per difendere i porti dalle Ong, un membro dell’opposizione rifornisce indirettamente la flotta della Marina che servirà a realizzare la politica dei porti chiusi di Salvini. Con tanti saluti a Del Rio e Orfini e a tutti gli esponenti dem solidali a Carola Rackete. Ma Colaninno non vede contraddizioni come lui stesso dice interpellato dal Fatto Quotidiano, tra il suo indirizzo politico e l’attività della sua società. “Intermarine non è un’azienda di famiglia e io non sono nel Cda”. Il che è corretto ma il deputato Colaninno è amministratore di Immsi, holding che la controlla al 72,51% e di cui il padre è presidente e il fratello Michele direttore generale. Elementi sufficienti per essere coinvolti. Ma non per Colaninno che al Fatto dice di non voler commentare la notizia e di non aver seguito la trattativa tra società e governo.

Sempre come scrive il Fatto Quotidiano, la nave Cabrini comunque entra a far parte delle flotta della Marina, 44 metri di lunghezza con equipaggio fino a 27 persone. Anche Toti, governatore forzista della Liguria ha avuto modo di festeggiare con selfie sui social: capacità industriale, logistica, crociere e turismo. Tutto quello che rende grande il Paese in uno scatto. Questa è la Liguria che stiamo costruendo e l’Itaia che vogliamo far tornare a crescere”. Il mezzo consegnato è solo il primo di una commessa accordata col governo Renzi nel 2016, composta da due unità con i più alti standard qualitativi. La Immsi di Colaninno metterà a disposizione della Marina quindi un’altra nave che servirà “al controllo dei traffici marini e al contrasto dei traffici illeciti ma anche alla sicurezza in ambienti con presenza di minaccia asimmetrica e evacuazione di personale da aree di crisi”. Compiti simili a quelli che Salvini chiede ai militari per chiudere i porti alle Ong.

 

Commenti
    Tags:
    salvini colaninnosalvini navi ongsalvini navi marina militaresalvini portisalvni news
    Loading...
    in evidenza
    Caos Salah-Alessandra Ambrosio "Atti osceni in luogo pubblico"

    Egitto, scoppia la polemica

    Caos Salah-Alessandra Ambrosio
    "Atti osceni in luogo pubblico"

    i più visti
    in vetrina
    Francesca Manzini nuda contro il body shaming. FOTO

    Francesca Manzini nuda contro il body shaming. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Tokyo Motor Show 2019, Nissan svela il concept Ariya

    Tokyo Motor Show 2019, Nissan svela il concept Ariya


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.