A- A+
Politica
Salvini e Draghi, volano schiaffi. La Bce usa lo spread per attaccare l'Italia
Foto LaPresse

Di Andrea Lorusso

Sembra il vestito buono per ogni occasione, quello da mettere addosso alle finanze del Paese quando si tratta di castigare un Governo (legittimamente eletto), per aderire ai desiderata della più opaca finanza. Il Governatore della BCE Mario Draghi fa il verso all’esecutivo italiano, affermando che le loro parole nel corso di questi mesi abbiano fatto danni al risparmio delle famiglie. Caustico Salvini: "Conto che gli italiani in Europa facciano gli interessi dell'Italia come fanno tutti gli altri Paesi, aiutino e consiglino e non critichino e basta".

La, ormai, bipolare Forza Italia invece rintuzza i fax di discordia in arrivo da Bruxelles, con le sentenze del deputato Mulé (ex direttore di Panorama): “Le parole della Bce certificano, al livello più alto e autorevole, che il governo, a causa della sua forsennata e vacua foga oratoria, ha lapidato dal suo insediamento il popolo italiano".

In tutto ciò i pollai da talk show con al seguito prezzolati giornalisti che scimmiottano le agenzie di rating, continuano a fare dell’Italia una narrazione distante dalla realtà, non per niente assieme alla carta stampata perdono audience-copie.

In pochi frammenti di La7 ieri sera, da Lilli Gruber, il giornalista Beppe Severgnini: “È una scemenza quella di Di Maio che dice ‘fra le agenzie di rating ed il popolo noi stiamo con il popolo’, perché il nostro debito è detenuto da investitori stranieri, e se questi li spaventi scappano e lo spread sale, bruciando i risparmi.”

Quindi per buona pace di chi crede nella sovranità Nazionale, in Parlamento bisognerebbe tutelare gli investitori, e non i cittadini elettori, ed il debito deve essere la clava con cui i propositi di qualità della vita, pensioni, attività lavorative dignitose, debbono essere sacrificati. Altrimenti i punti base di divario coi bond tedeschi schizzano in su. Questo è il motivo per cui nel Regno Unito, Stati Uniti, Olanda, Svezia, Ungheria, Francia, Italia, Germania, ognuno con le sue velocità e differenti successi, il moto “populista” sta demolendo l’ordine costituito. L’establishment che per anni ha tentato il trapianto di mentalità di interessi terzi, ha subito il rigetto del corpo elettorale. E a Maggio 2019 si riprenderà le chiavi di casa, le chiavi dell’Europa.

Twitter @andrewlorusso

Commenti
    Tags:
    salvinidraghi

    in evidenza
    Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

    Novità editoriali

    Da Picasso all'arte islamica in Iran
    Jaca Book, ecco i libri in uscita

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

    Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo vent'anni di successi

    Citroen Berlingo vent'anni di successi

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.