A- A+
Politica
Salvini rosario, il Vaticano: "Dio è di tutti, pericoloso invocarlo per sé"

Salvini rosario e Vangelo: esponenti del Vaticano criticano l'uso politico dei simboli cristiani

"Io credo che la politica partitica divida, Dio invece e' di tutti. Invocare Dio per se stessi e' sempre molto pericoloso". Il segretario di stato Vaticano, il cardinale Pietro Parolin, a margine della Festa dei Popoli a San Giovanni in Laterano, prende nettamente le distanze da Matteo Salvini, che ieri sul palco della manifestazione sovranista di Piazza Duomo, a Milano, ha brandito un rosario e chiuso il suo intervento nominando la Madonna "che sono sicuro", ha detto, "ci porterà alla vittoria"

Parolin ha celebrato la messa lanciando un monito contro l'indifferenza. Parole che sono arrivate dopo che anche Civiltà Cattolica, Famiglia Cristiana e Avvenire hanno criticato il leader leghista.  "Ascoltare il nome di Dio e di Maria non deve fare esultare l'animo religioso sempre e comunque. Infatti 'Non nominare il nome di Dio invano' ci chiede di non usare il nome di Dio per i propri scopi. La coscienza critica e il discernimento dovrebbe aiutare a capire che non è un comizio politico il luogo per fare litanie (e in nome di valori che col Vangelo di Gesù nulla hanno a che fare)", scrive infatti su Facebook Padre Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica.

"Ciascuno può valutare le intenzioni e farsi la propria opinione. Tuttavia - ha proseguito - è chiaro che l'identitarismo nazionalista e sovranista ha bisogno di fondarsi anche sulla religione per imporsi. Ha trovato questa carta della strumentalizzazione religiosa (in Italia come altrove nel mondo, sia chiaro: non siamo originali in questo!) come adatta e la usa. La coscienza cristiana, a mio avviso, dovrebbe sussultare con sdegno e umiliazione nel vedersi così mercanteggiata e blandita. Si facciano i propri discorsi, ma davanti a Dio bisogna togliersi i sandali".

In precedenza, sempre su Facebook, padre Spadaro aveva osservato: "Rosari e crocifissi sono usati come segni dal valore politico, ma in maniera inversa rispetto al passato: se prima si dava a Dio quel che invece sarebbe stato bene restasse nelle mani di Cesare, adesso è Cesare a impugnare e brandire quello che è di Dio".

A Spadaro ha fatto eco il settimanale Famiglia Cristiana. "Il rosario brandito da Salvini e i fischi della folla a Papa Francesco, ecco il sovranismo feticista", è il titolo dell'editoriale sulla manifestazione di Milano. Dove, secondo il periodico cattolico, "è andato in scena l'ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica nel nostro Paese dei diritti umani. Mentre il capopolo della Lega esibiva il Vangelo un'altra nave carica di vite umane veniva respinta e le Nazioni Unite ci condannavano per il decreto sicurezza".

 

Commenti
    Tags:
    salvinirosario salvinirosario sul palcosalvini rosario vangelosalvini rosario e vangelosalvini rosario in manosalvini rosario giuramentovaticanochiesachiesa contro salvinivaticano contro salvini
    in evidenza
    Emma Marrone: "Mi devo fermare Ho un problema di salute"

    Spettacoli

    Emma Marrone: "Mi devo fermare
    Ho un problema di salute"

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan JUKE protagonista della Milano Fashion Week

    Nuovo Nissan JUKE protagonista della Milano Fashion Week


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.