Vigilia di scontro Pdl-Fli su Cosentino

Martedì, 21 settembre 2010 - 19:06:00
In attesa del discorso in Parlamento di Silvio Berlusconi, in programma per la settimana prossima, il primo vero banco di prova della tenuta della maggioranza sara' la seduta di domani alla Camera, con il voto in Aula sull'autorizzazione all'uso delle intercettazioni di Nicola Cosentino. E gia' alla vigilia, tra Pdl e Fli sono scintille, con i finiani divisi tra prudenza e annunci di un si' che riacutizzerebbe lo scontro con il centrodestra. Il capogruppo a Montecitorio del Popolo della liberta', Fabrizio Cicchitto, ha messo in guardia i finiani: "In questo quadro non e' affatto accettabile il tatticismo potenzialmente destabilizzante di chi ipotizza un eventuale voto favorevole al discorso alla Camera e al Senato del presidente Berlusconi e poi l'apertura di una sorta di guerriglia parlamentare" su Cosentino e sulla mozione sull'informazione televisiva. E' durata poco la tregua prospettata da Benedetto Della Vedova: "Decideremo anche dopo aver sentito quello che Cosentino stesso dira'". Stessa posizione da Italo Bocchino. Ma Fabio Granata anticipa che Futuro e liberta' domani votera' a favore. E a chi gli faceva osservare che altri Fli sono dubbiosi, il vicepresidente dell'Antimafia ha risposto chiarendo proprio "di aver parlato con Bocchino. La linea ufficiale di Fli e' questa. Domani voteremo si'". Il diretto interessato spiega di aver "chiesto che non ci sia una difesa o un sostegno di un vincolo di appartenenza. Mi rimetto all'Aula. Se l'Aula dovesse decidere di utilizzare le intercettazioni io, comunque, dormirei tranquillamente". Nicola Cosentino aggiunge che si tratta di "intercettazioni irrilevanti" ma assicura: "Io non voglio essere un problema ne' un caso politico. Mi rimettero' alla decisione dell'Aula". Resta ottimista sul futuro della legislatura Ignazio La Russa. "Siamo estremamente fiduciosi che vi sia in Parlamento non solo una maggioranza numerica - ha detto - ma anche una maggioranza che voglia veramente sostenere l'azione del governo Berlusconi per i prossimi tre anni". Ostenta sicurezza anche la Lega. "Mi sembra che avremo un eccesso di numeri, vedremo come andranno i prossimi giorni", ha sottolineato il capogruppo Marco Reguzzoni. Dall'opposizione, l'Unione di centro ha annunciato che votera' l'autorizzazione all'utilizzo delle intercettazioni di Cosentino. E ha aperto alla collaborazione sulle riforme. Critico con il governo e' il Pd. Enrico Letta ha tracciato oggi una 'road map' verso le elezioni. "Dimissioni di Berlusconi, il piu' presto possibile per il bene dell'Italia; un governo istituzionale per fare la legge elettorale e poi entro pochi mesi al voto", ha detto e "a quel punto sara' come nel '46 con la scelta tra monarchia e repubblica".
0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA