A- A+
Politica
Simone Di Stefano ad Affaritaliani: con le sanzioni ad Orban l'Ue è finita.

Affaritaliani ha intervistato Simone Di Stefano, segretario di CasaPound, sulla vicenda delle sanzioni Ue a Viktor Orban e all’Ungheria.

 

D: Le sanzioni all’Ungheria cosa significano per l’Unione Europea?

R: Significano la sua fine. Se l’UE sanzione un suo Stato membro, con un governo regolarmente eletto, vuol dire che non funziona più il concetto di democrazia stessa e quindi pone la base della sua fine.

 

D: Cioè c’è ingerenza nella politica dei singoli Stati?

R: C’è una forte ingerenza. Oggi all’Ungheria, domani all’Italia. Anzi, già ci sono state forti critiche a Salvini in tal senso.

 

D: Tuttavia, a riguardo di questa vicenda, i Cinque Stelle alleati della Lega, hanno votato per le sanzioni ad Orban. Come mai?

R: Il M5S è un partito molto composito. Da una parte c’è Di Maio, ma poi c’è anche Fico e, soprattutto, molti deputati eletti che non solo non sono sovranisti, ma sono proprio globalisti.

 

D: Ma Grillo cosa pensa?

R: Grillo si era fatto da parte già prima delle elezioni e dice spesso cose contradditorie, non chiare.

 

D: Invece il governo si avvia al Dpef…

R: Che rischia di essere vuoto, privo di contenuto e di misure reali. I temi economici e quelli del lavoro sono invece fondamentali. La lotta all’immigrazione è semplice da attuare ed infatti è stata fatta, ma il tema del lavoro che non c’è non è stato ancora affrontato. Il decreto dignità, così come è fatto, tutela i lavoratori, ma spaventa gli imprenditori che poi non rinnovano il contratto.

 

D: Quindi cosa farebbe CPI se fosse al governo?

R: L’Italia si riprenderebbe la sua sovranità, a cominciare da quella monetaria. E poi procederebbe alle nazionalizzazioni, autostrade, Ilva, ad esempio. La gente vuole più stato e meno privati. I sondaggi danno al 70% chi vuole più Stato, dieci anni fa erano al 20%.

 

D: Anche perché spesso globalizzazione fa rima con liberalizzazione selvaggia e sinistra mondialista…

R: Esatto. E la destra liberale, Brunetta e Berlusconi, hanno portato sempre in quella direzione. Ad esempio ieri la lettera del ministro Tria sull’euro e gli Stati Uniti d’Europa non si poteva leggere. Nonostante la Lega abbia schierato Borghi e Bagnai la componente sovranista risulta minoritaria e schiacciata rispetto a chi nel governo gode a stare sotto il dominio dell’Euro

 

D: Sulla Libia che dovrebbe fare l’Italia?

R: Dovrebbe intervenire militarmente per difendere i propri interessi contro la Francia appoggiando magari Serraj, sostenuto pure dall’Onu, contro Haftar sostenuto dalla Francia.

 

D: Sui Signori della Silicon Valley che ne pensa?

R: Che devono stare alle leggi dei singoli Stati sovrani. La chiusura dei centri commerciali la domenica va bene ma, si dice, poi c’è Amazon on-line che se ne avvantaggia. Bene. Io dico chiudiamo anche Amazon la domenica, come chiudiamo i centri commerciali. Uno Stato forte può e deve farlo riappropriandosi della propria sovranità.

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    simone di stefanoorbanuelibiasovranismo

    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

    Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.