A- A+
Politica
Sindacati da 'rottamare', il vecchio che avanza

 

' Forme nuove di democrazia e partecipazione sui luoghi di lavori, sindacati che rappresentano una struttura vecchia come i partiti, un'incrostazione che bisogna togliere. Le aziende devono essere di chi lavora' cosi la provocazione del leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo.

Una posizione forte che non regala certo voti ma, alla luce di alcuni recenti avvenimenti, abbastanza condivisibile.

VERTENZA ALITALIA UN ESEMPIO IN NEGATIVO

Basti pensare alla vicenda Alitalia. La compagnia di bandiera, ormai rantolante, ha perso quasi quattro miliardi negli ultimi 5 anni, e ne continua a perdere.
Scelte manageriali sbagliate, opzioni politiche prive di visione strategica( vedi ad esempio il rifiuto alla vecchia proposta di Air France da 2.5 miliardi) e pressioni di un sindacato che difende posti di lavoro praticamente inesistenti.


Tutti apparentemente soddisfatti di aver messo in sicurezza, per il momento, i conti e aver garantito qualche mese di sopravvivenza alla compagnia di bandiera. Tutti ad applaudire un accordo che taglia il costo del lavoro di solo l'8% e non del 30% come si era  ipotizzato più realisticamente prima. Tutti ad  applaudire la scelta di ridurre gli esuberi da 2037 a 1700 , nonostante tutti
sappiano che , in questo senso, è assolutamente insufficiente.

LA CRISI ALITALIA SOLO RIMANDATA

Il problema si ripresenterà a breve in maniera ancora più pesante e Alitalia andrà in amministrazione controllata sulle spalle dei contribuenti.
Nonostante ciò si va a chiedere, in maniera ipocrita, la firma dei lavoratori per dare l'ok ad un nuovo accordo 'suicida'.
Un sindacato moderno e consapevole avrebbe preso altre direzioni meno populiste e più realistiche.

L'ERRORE DELLO SCIOPERO ALL'OUTLET DI SERRAVALLE

Altro esempio di mancanza di lungimiranza del sindacato sta nelle manifestazioni di ieri all'outlet di Serravalle. Nonostante i lavoratori italiani siano i meno impegnati in turni settimanali domenicali in europa( primi i danesi con il 34% ultimi gli italiani sotto il 20%) e nonostante un bisogno disperato di far crescere il business, Cgil Cisl e UIL, hanno chiamato a raccolta qualche centinaia di lavoratori per bloccare l'outlet nel week end pasquale.
Fortunatamente lo sciopero è stato un flop. I consumatori hanno saltato i blocchi andando comunque allo shopping nei 246 negozi aperti contro i soli 4 chiusi.

LO STOP AI SERVIZI PUBBLICI AL SALONE DEL MOBILE

Ultima recente scelta incomprensibile e sbagliata lo sciopero dei mezzi pubblici nel primo giorno di apertura del Salone del Mobile a Milano, quando tutto il mondo del business si trovava a Milano, unica città italiana considerata, per il business, un'eccellenza di livello europeo.

Se il sindacato non riuscirà a rigenerarsi da solo, a rendersi conto che un approccio garantista è ormai superato e portatore di danni, dovrà essere la politica a fare scelte adeguate per renderlo più utile e vicino ai lavoratori e, in un'ultima analisi, ad un'economia 4.0.

Tags:
sindacatoalitaliaoutletserravalle

in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

i più visti
in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.