A- A+
Politica
Sondaggi Sicilia: il Pd in affanno teme il centrodestra e pensa di votare m5s

I sondaggi sulle elezioni siciliane previste per il 5 novembre preoccupano il centrosinistra, e soprattutto il Pd. Il candidato Fabrizio Micari, uomo probo e persona per bene, soccomberebbe ciò malgrado all'ascesa di Nello Musumeci del Centrodestra, dato per favorito, e a Giancarlo Cancelleri del m5s, che arriverebbe secondo in corsa ma portando il Movimento a essere primo partito dell'Ars, l'assemblea regionale siciliana.

Più o meno tutti i sondaggi vedono Micari nel punto più basso del podio, a parte uno - commissionato dallo stesso Pd - che vedrebbe la coalizione del centrosinistra al 32 %, a un solo punto percentuale da quella del centrodestra. Mario Barresi, in un articolo comparso su La Sicilia, spiega con dovizia di particolari i calcoli effettuati dai dem sulla figura del professor Micari, e sulle speranze che "la campagna elettorale sia appena iniziata" e non già finita con l'esito scontato e la sconfitta conclamata.

Ma il sondaggio che vede il centrosinistra in rimonta è "di parte", e non suscita grande entusiasmo nel Centrosinistra, tanto che, forse per rassegnazione alla disfatta, è nato - secondo il giornalista Barresi - un "piano B", "fantascientifico" ancora embrionale ma piuttosto machiavellico.

Se Micari fosse dato per sconfitto, insomma, i dem e soprattutto i moderati potrebbero pensare di sostenere candidati e liste del centrosinistra ma dare la propria preferenza, grazie al voto disgiunto, a Giancarlo Cancelleri candidato presidente del m5s, così da impedire che il centrodestra di Musumeci faccia da asso pigliatutto. L'idea, insomma, è quella di mandare Cancelleri alla presidenza della Regione Siciliana senza una maggioranza all'Ars puntando sull'ipotesi che "i grillini cadano entro due anni". Ciò scongiurerebbe, per i dem, il pericolo di restare "tagliati fuori" con la presidenza blindata di Musumeci.

Il tutto in vista di un progetto azzardato di "staccare la spina" entro breve tempo per tornare al voto. Un progetto che non tiene il conto dell'ambizione e dei calcoli di chi, ottenuta una carica di deputato dell'Ars, potrebbe non avere così tanta smania di mandare tutto all'aria e rinunciare alla poltrona per tornare alle urne. Finendo così per favorire il M5s, che avrebbe in mano la Sicilia per cinque lunghissimi anni. 

 

Tags:
elezioni siciliasondaggipdm5scentrodestranello musumecigiancarlo cancellerifabrizio micari

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.