Il Tar della Puglia dice no alla crociata di Vendola contro i medici cattolici

Sabato, 18 settembre 2010 - 09:05:00

Vendola
Nichi Vendola
Di Ettore Mario Peluso

La crociata di Nichi Vendola e della Regione Puglia contro i medici obiettori di coscienza incontra un primo importante ostacolo. In una delibera del marzo 2009, la n. 405, si era approvata la riorganizzazione della rete consultoriale sul territorio pugliese, proibendo ai medici obiettori ed alle ostetriche obiettrici di coscienza di svolgere la professione all’interno dei consultori, in nome di un non ben identificato “potenziamento del percorso di nascita”(?). Qualche settimana fa la delibera era stata impugnata davanti al Tar Puglia da alcuni medici cattolici che con la nuova normativa sarebbero stati esclusi dalle future assunzioni nei consultori, nonché dal Forum delle associazioni cattoliche operanti in campo socio sanitario e dal Movimento della Vita.

Ora il Tar si è espresso a favore del loro ricorso con una sentenza di 21 pagine destinando, di conseguenza, il 50% dei posti nei consultori agli obiettori poiché la loro presenza o meno “è assolutamente irrilevante visto che all’interno dei consultori non si pratica materialmente l’interruzione, bensì soltanto attività di assistenza psicologica e di informazione/consulenza della gestante, ovvero vengono svolte funzioni di ginecologo che esulano dall’iter abortivo”.

Il provvedimento proposto dall’Assessore alle Politiche della salute, Tommaso Fiore, secondo il Tribunale Amministrativo Regionale, vìola il principio costituzionale di eguaglianza ed i principi che sono alla base dell’obiezione di coscienza. Il tema è piuttosto delicato considerato che la Puglia ha il più alto rapporto di abortività italiano (per ogni mille bambini nati, 270 non vengono al mondo a seguito dell’ interruzione volontaria della gravidanza) ed il 79,9% dei ginecologi si dichiara obiettore.

Secondo il Presidente nazionale del Movimento per la vita, Carlo Casini, “la sentenza del Tar pugliese può dare una spinta per avviare una riforma dei consultori familiari per renderli limpido strumento di protezione del diritto alla vita mediante il consiglio e l’aiuto alla madre in difficoltà per una gravidanza difficile o non desiderata”. Il Prof. Nicola Colaianni, avvocato coordinatore della Regione Puglia, è convinto che la pronuncia non sia affatto una vittoria per i medici obiettori, anzi, innervosito replica: “Tutto il personale operante nei consultori sarà richiamato da subito alla rigorosa e puntuale osservanza di tutti i compiti, nessuno escluso, loro assegnati dalla legge”.

Anche l’Assessore regionale Fiore non sembra aver accolto positivamente la notizia, infatti ha dichiarato che la Regione non potrà escludere preventivamente gli obiettori, ma vigilerà sulla loro attività, affinché “non intralcino chi ha deciso di abortire”. Soddisfatti della pronuncia i Professori Aldo ed Isabella Loiodice (difensori di alcune Associazioni di sanitari e movimenti a tutela della donna) che già si erano espressi sulla illegittimità del provvedimento regionale, ma che cautamente attendono di sapere i prossimi passi della Regione. Infatti nei prossimi giorni si saprà se Vendola deciderà di opporsi alla sentenza attraverso un ricorso innanzi al Consiglio di Stato o se, magari, accetterà la pronuncia, spostando il dibattito dalle sedi dei tribunali a quelle del confronto tra associazioni per la vita, operatori sanitari ed istituzioni.
0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA