A- A+
Politica

Di Gianni Pardo

È lecito che una persona normale senta antipatia per i magistrati. Sentire antipatia non costituisce vilipendio. Diversamente uno sarebbe stato costretto a trovare simpatico Oscar Luigi Scalfaro. Invece, se un gip demente avesse pensato di rinviare a giudizio un cittadino per non aver trovato simpatico quell’indimenticabile Presidente (ai sensi dell’art.278 del Codice Penale) questo cittadino avrebbe potuto reclamare l’assoluzione recitando il brocardo latino: ad impossibilia nemo tenetur, nessuno è tenuto a fare l’impossibile.

Ci sono mestieri che sono necessari alla comunità e tuttavia non rendono gradevole chi li esercita: l’esattore delle tasse, per esempio, il boia, spesso persino il semplice vigile urbano. Ma mentre l’esattore delle tasse e perfino il boia possono scusarsi, quando operano, asserendo che fanno ciò che è loro ordinato, i magistrati – ammesso che facciano parte delle categorie antipatiche – possono essere visti con maggiore ostilità perché agiscono in proprio. Il reo dirà: “È lui che ha deciso di condannarmi, non altri. Non gliel’ha ordinato nessuno di non tener conto delle mie buone ragioni”. E il povero giudice paga la severità di una legge che sta soltanto applicando.

I magistrati sono anche resi antipatici da una speciale malattia professionale che pochissimi di loro riescono a non contrarre. Chiunque agisca commette a volte degli errori. L’ingegnere comprenderà dunque l’errore di diagnosi del medico perché anche a lui è capitato di sbagliare sull’origine di una macchia di umidità, il commerciante comprenderà l’errore dell’operatore di Borsa perché anche a lui è capitato di concludere un cattivo affare. Chiunque agisca sa di non essere infallibile. E se anche fosse tanto stolto da dimenticarlo, colleghi e clienti si preoccuperebbero di ricordarglielo. Ma i giudici, appunto,  non agiscono: hanno la funzione superiore di valutare gli errori altrui e di infliggere una sanzione a chi li ha commessi; inoltre, esercitando costantemente questa attività, finiscono con l’interiorizzare il principio che gli altri possono sbagliare – del resto lo constatano ogni giorno – e loro no. E da questo a reputarsi infallibili e superiori - visto che nessuno mai li punisce per i giudizi emessi - il passo è breve. Alla fine non fanno parte degli inferiori soltanto gli imputati e le parti, ma anche i loro avvocati e i testimoni, i poliziotti, e chiunque non sia un altro magistrato.

Ecco perché i giudici italiani sono più antipatici di quelli americani. I giudici anglosassoni arrivano ad essere tali dopo essere stati a lungo avvocati, cioè dopo essersi visti trattare da inferiori dai giudici e dopo avere affrontato a muso duro i colleghi avversari. Dopo essere stati uguali fra uguali e avere fatto ampiamente l’esperienza sia dei successi sia degli sbagli, con annesse cattive figure e umiliazioni. Da noi invece dei giovanotti vincono un concorso e dal giorno dopo sono più infallibili ed intangibili di Salomone. Mai dimenticare la massima di Lord Acton: “Il potere corrompe, e il potere assoluto corrompe assolutamente”.

La malattia professionale, nel caso dei pubblici ministeri, presenta un’aggravante. Mentre il giudicante ha l’unica pecca di reputarsi infallibile e superiore, il requirente aggiunge a volte a questa sindrome quella di credersi il raddrizzatore dei torti della società. Non si limita, come il giudice, a costituire le gambe su cui cammina la giustizia quando si è avuto il rinvio a giudizio, è capace di spingere il sentimento del suo dovere fino a cercare la notitia criminis, fino ad ascoltare denunzianti interessati e sicofanti di basso livello. Il suo intento è quello di salvare la società dal male ed indirizzarla verso il bene. Atteggiamento che non raramente, dopo avere dato adito a sospetti di paranoia, sfocia in confessata attività politica in Parlamento.

Il magistrato, formalmente, fa bene ad essere riservato, impeccabile, persino distante: ne guadagna la credibilità e la maestà della giustizia. In cuor suo invece dovrebbe mantenere una grande umiltà ed essere spaventato dalla straordinaria responsabilità che il sistema scarica sulle sue spalle. Se invece si convince della propria infallibilità e dell’inferiorità antropologica del resto dell’umanità, se scambia la maestà della giustizia per la maestà sua personale, è vittima di una malattia professionale più grave del saturnismo dei tipografi di una volta. Perché il saturnismo, quanto meno, non attaccava il cervello.

pardonuovo.myblog.it

Tags:
giudicarefare
Loading...
in vetrina
Elisabetta Canalis torna alla Night of Kick and Punch 2019: "Che passione kickboxing e thai boxe"

Elisabetta Canalis torna alla Night of Kick and Punch 2019: "Che passione kickboxing e thai boxe"

i più visti
in evidenza
Marcuzzi, tacco a spillo rosso Stacco di coscia. Foto da infarto

Ferragni reggiseno e.. GALLERY

Marcuzzi, tacco a spillo rosso
Stacco di coscia. Foto da infarto


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova classificazione dei veicoli elettrici ibridi in Italia

La nuova classificazione dei veicoli elettrici ibridi in Italia


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.