A- A+
Politica
Università, più risorse agli atenei più piccoli e meno raggiungibili

Università, più risorse agli atenei più piccoli e meno raggiungibili

Per le università più difficili da raggiungere con i mezzi di trasporto pubblico e per quelle con maggior numero di iscritti in condizioni economiche disagiate più aiuti e più risorse: è questo che prevede il nuovo decreto del ministro Marco Bussetti. Cambiano, quindi, i criteri per l’assegnazione di una quota, nello specifico il 22%, dei finanziamenti ordinari (Ffo) per gli atenei. Il nuovo decreto, uscito ieri, spiegano i vertici del Miur, vuole cercare di “superare il meccanismo basato sulla spesa storica delle università”.

Il nuovo provvedimento introduce due nuovi importi, tenendo conto del reddito medio familiare della Regione dove ha sede l’Università, della capacità contributiva effettiva degli iscritti e dell’accessibilità dell’ateneo. Il Miur spiega che “Si va così incontro alle realtà in cui gli studenti partono da condizioni più svantaggiate e si tiene conto della rete dei trasporti e dei collegamenti in modo da compensare le università che logisticamente sono più difficili da raggiungere”.

Per il triennio 2018-2020 il costo standard rappresenta il modello per ripartire rispettivamente il 22%, il 24% e il 26% (tra 1,4 e 1,7 miliardi di euro) del Fondo di finanziamento ordinario delle università, che vale oltre 7 miliardi, in base a parametri dimensionali oggettivi che tengono anche conto degli specifici contesti.

Gaetano Manfredi (Crui): "Siamo soddifatti, ma i finanziamenti devono aumentare"

Il decreto del ministro dell’Istruzione  è ovviamente nelle corde della Conferenza dei rettori (Crui), ma Gaetano Manfredi, presidente della Crui osserva come non si sia ancora sistemato “Il problema dei finanziamenti complessivi alle università che sono rimasti sostanzialmente invariati dallo scorso anno. Per poter dare una formazione di qualità occorrono investimenti. Abbiamo la metà delle risorse della Francia, investiamo un terzo rispetto alla Germania”. Il presidente della Crui, Manfredi, ha continuato: “Siamo soddisfatti dei nuovi criteri, la Conferenza è stata ascoltata su questo perché il sistema deve rimanere unitario, deve tenere conto delle esigenze di tutti tanto più in un Paese come il nostro che ha evidenti divari tra atenei piccoli e grandi, tra università in zone più ricche e altre in aree più deboli economicamente

Sulla distribuzione dei fondi ordinari sono critici gli studenti, che continuano a ribadire come il fondo sia "inadeguato a soddisfare le esigenze del sistema universitario, ancora gravemente lontano dal ricevere un finanziamento idoneo a sostenerlo".

Tags:
istruzioneuniversitàtrasporto pubblicomiurmarco bussettigaetano manfredicruiuniversità e trasportiffo
in evidenza
Champions League, sorteggi Juve-Roma, incubo ottavi di finale

Sport

Champions League, sorteggi
Juve-Roma, incubo ottavi di finale

i più visti
in vetrina
Young Boys-Juventus. Dybala, gol annullato per 'colpa' di Cristiano Ronaldo

Young Boys-Juventus. Dybala, gol annullato per 'colpa' di Cristiano Ronaldo

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercdes lancia le 5 C destinate a rivoluzionare il concetto di mobilità

Mercdes lancia le 5 C destinate a rivoluzionare il concetto di mobilità

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.