A- A+
Politica
Veneto, Zaia: "Vado a Roma solo con i tecnici". Ma è isolato e contestato

Intervenendo in apertura della seduta del Consiglio Regionale del Veneto, il Presidente della Regione Luca Zaia ha dato avvio alle procedure istituzionali conseguenti all’esito del referendum del 22 ottobre scorso sull’autonomia, presentando all’aula i contenuti del disegno di legge approvato dalla Giunta il 23 ottobre mattina attraverso il quale si muoverà il cammino della trattativa istituzionale con il Governo.

Ringraziando il Presidente Ciambetti e tutti i Consiglieri per la disponibilità a inserire le sue comunicazioni già in questa sessione di lavori, Zaia ha ricostruito il lungo cammino del referendum che, ha ricordato, fu bocciato per ben due volte in passato, fino alla storica sentenza della Corte Costituzionale, che ha sancito che il popolo andava coinvolto, e che la consultazione avrebbe dovuto essere anteriore ed esterna alla trattativa con il Governo.

“Sono qui – ha esordito il Governatore - nella convinzione della centralità del Consiglio regionale in una nuova partita che apriamo oggi, dopo aver chiuso quella del referendum attraverso il quale i veneti ci hanno detto a gran voce che vogliono l’autonomia”.

“La perseguiremo – ha aggiunto – nel pieno rispetto del dettato costituzionale e dell’articolo 116 e seguenti della Carta, con forza e determinazione, ma anche con la serietà istituzionale richiesta da una prospettiva storica per il Veneto e per i Veneti”.

“Serietà e rispetto – ha tenuto a precisare – che nessuno deve scambiare per arrendevolezza, perché chiediamo tutto quello che ci è consentito dall’articolo 116: la competenza esclusiva su 23 diverse materie, le risorse per gestirle, e la specificazione dettagliata delle competenze. L’obbiettivo finale è quello di arrivare alla stessa situazione del Trentino Alto Adige, anche se di fatto e non di diritto”.

Zaia ha quindi descritto per sommi capi il disegno di legge della Giunta che, ha detto, “si compone di 58 articoli con i quali entriamo nello specifico di ognuna delle 23 materie. Un testo equilibrato e preciso, ma senza compromessi. Ora conto molto – ha aggiunto – sul confronto a 360 gradi che si terrà con tutte le espressioni della società civile veneta e sul contribuito che verrà dalle audizioni degli stakeholders da parte delle Commissioni consigliari. Per fare sintesi mettiamo a disposizione anche la Consulta del Veneto per l’Autonomia. Sono certo che sarà un percorso serio e approfondito, com’è tradizione di questa Regione e di questo Consiglio – ha aggiunto – che porterà l’aula all’approvazione di un atto attraverso il quale nulla sarà come prima, e non solo in Veneto”.

“Ancora una volta”, Zaia ha esortato “a non considerare questa partita come patrimonio politico o personale di qualcuno: sarà l’autonomia del Veneto e dei Veneti, del popolo, non della politica. Tanto che – ha annunciato – la delegazione che tratterà con il Governo nazionale sarà composta da eminenti tecnici e costituzionalisti, non da politici. Chiedo alla politica di accettare l’invito a creare su questa vicenda una sorta di no fly zone, nella quale tutto il Veneto sappia fare squadra e non si divida o differenzi a seconda dei diversi credo politici”.

Il Presidente ha proseguito il suo intervento dicendosi “a disposizione del Consiglio regionale per venire in aula a informare e illustrare ai consiglieri il cammino in atto, perché questa è una partita che si concretizzerà nel tempo, passo dopo passo, contando di poter arrivare, alla fine del cammino, a un intero Paese davvero federale e autonomista, come Stati Uniti e Germania, solo per citare due grandi Nazioni che prosperano su questa organizzazione statuale, ma anche come indicarono i Padri Costituenti nell’articolo 5 della Costituzione originaria, che riconosceva e promuoveva le autonomie locali e indicava la strada del più ampio decentramento”.

“Il 23 ottobre scorso – ha infine detto – abbiamo approvato anche un disegno di legge statale di iniziativa regionale per l’inserimento del Veneto nell’articolo della Costituzione che elenca le Regioni e le Province a Statuto Speciale, ma questo è un cammino diverso e disgiunto da quello indicato nel disegno di legge per l’autonomia. Sarà il Consiglio regionale a decidere se e come proseguirlo”.

MA IN VENETO ZAIA E' ISOLATO. TUTTI I NO ALLO STATUTO SPECIALE

"Il mandato referendario - afferma Agostino Bonomo, presidente di Confartigianato - si limita alle competenze previste dall'attuale Costituzione. Se viene usato per altri obiettivi, il nostro appoggio non c'è più".

"Siamo gente concreta - dice il sindaco di Padova, Sergio Giordani - gli strappi costituzionali sono fuori discussione. Abbiamo votato sì perché un Veneto più forte sia una risorsa per l'Italia, non perché si trasformi in u altro problema. Zaia deve stare attento: se la gente sospetta di essere stata usata, il trionfo diventa un boomerang".

Un no secco allo statuto speciale arriva anche da industriali, agricoltori, Chiesa e sindacati. "Non è il momento - dice Lodovico Giustiani, presidente di Confagricoltura - di tensioni e illusioni. I veneti non hanno chiesto di destabilizzare la nazione. Il sì di domenica non era una deriva populista". Paolo Feltrin, presidente dell'Osservatorio elettorale veneto spiega il cambio di rotta del Governatore dopo il referendum: "Prima del voto doveva catturare trasversalmente i moderati, dopo deve blandire la base militante della Lega. Non deve però dimenticare che la questione veneta è fatta di malessere fiscale e centralismo burocratico romano. Ha il mandato per rispondere a questo, non agli anacronismi dei Serenissimi".

Contro l'autonomia speciale anche il sindaco di Treviso Giovanni Manildo, Forza Italia e il Pd, i grandi industriali Carraro, Benetton e Marzotto, l'ex sindaco di Verona Tosi, il costituzionalista Stefano Ceccanti e i segretari di Cgil e Cisl. "Capisco l'euforia che fa scattare l'anima populista - dice Achille Variati, sindaco di Vicenza e presidente delle Province italiane - ma se Zaia si isola nel venetismo perde la trasversalità del voto e fallisce. Lo abbia delegato per trattare l'autonomia dentro la Costituzione. Stop".

IMBARAZZO NELLA LEGA

Nella Lega scoppia il caso Luca Zaia. La richiesta di trasformare il Veneto in Regione a statuto speciale, dopo il successo al referendum autonomista di domenica scorsa, ha colto di sorpresa i vertici del Carroccio. Roberto Maroni ha apertamente criticato il collega di partito ("sbaglia"), mentre Matteo Salvini è stato abbastanza freddo, pur senza smentire il Governatore, affermando: "Non lo sapevo. Ma farlo è nel suo pieno diritto. Chiedere è lecito, rispondere è cortesia. Luca Zaia parla a nome della maggioranza dei veneti, e soprattutto una trattativa si fa chiedendo, non andando in ginocchio". Aggiunge il segretario della Lega: "È normale che il Veneto acceleri, da loro il referendum è stato appoggiato dal 60% delle persone. Il voto è stato fondamentale per far capire che la gente vuole il cambiamento". Salvini, allo stesso tempo, nega un ritorno al 'nordismo' della Lega. "Il gruppo della Lega stanno aderendo in queste ore parlamentari sia pugliesi che siciliani. Perché hanno capito che cosa sta succedendo. E cioé, sta nascendo una riforma del Paese che parte dal basso, stiamo facendo quello che Renzi ha provato a fare passando sulla testa dei cittadini. Ha cominciato il Veneto, ma gli stessi diritti potranno esercitarli i pugliesi, i laziali, gli abruzzesi", dichiara. "Il nostro è un percorso consapevole e la Lega è sempre più forte. Dalla secessione io ho portato la Lega su una strada diversa e al nostro interno ormai hanno capito tutti che quella scelta è l’unica via possibile", assicura.

Tags:
zaiavenetostatuto speciale

in vetrina
Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Debutto al Paris Motor Show,la nuova Kia e-Niro

Debutto al Paris Motor Show,la nuova Kia e-Niro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.