A- A+
Politica
Voto di scambio: via libera della Camera con 280 sì. Torna al Senato

Via libera dell'Aula della Camera alla proposta di legge sul voto di scambio politico-mafioso, che modifica l'articolo 416 ter del codice penale. I voti a favore sono 280, i contrari 135 e 10 astenuti. Il provvedimento, gia' approvato dal Senato ma modificato durante l'esame in commissione a Montecitorio, dovra' tornare a palazzo Madama per la terza lettura.

Voto di scambio politico-mafioso, fino a 15 anni carcere 

Con il via libera da parte della Camera, la proposta di legge sul voto di scambio politico-mafioso torna al Senato per l'approvazione definitiva. Il provvedimento modifica l'articolo 416 ter del codice penale, e prevede fino a un massimo di 15 anni di carcere. La proposta di legge, targata 5 stelle, e' composta di un solo articolo.

- VOTO DI SCAMBIO, FINO A 15 ANNI DI CARCERE: "Chiunque accetta, direttamente o a mezzo di intermediari, la promessa di procurare voti da parte di soggetti appartenenti alle associazioni di cui all'articolo 416-bis, o mediante le modalita' di cui al terzo comma dell'art. 416-bis in cambio dell'erogazione o della promessa di erogazione di denaro o di qualunque altra utilita' o in cambio della disponibilita' a soddisfare gli interessi o le esigenze dell'associazione mafiosa e' punito con la pena stabilita nel primo comma dell'articolo 416-bis". In sostanza, la nuova formulazione della norma punisce con la reclusione da 10 a 15 anni (stessa pena prevista per l'associazione mafiosa dall'art. 416-bis, primo comma, del codice penale) l'accettazione, diretta o a mezzo di intermediari, della promessa del sostegno elettorale. I voti saranno procurati: da soggetti appartenenti ad associazioni mafiose oppure mediante modalita' mafiose. Inoltre, estende la punibilita' anche ai casi in cui la condotta incriminata sia stata realizzata mediante il ricorso ad intermediari.

- PROMESSA DI PROCURARE VOTI: La stessa pena, da 10 a 15 anni di carcere, si applica a chi promette di procurare voti.

- PENE AUMENTATE CON L'ELEZIONE: Se colui che ha accettato la promessa di voti, a seguito dell'accordo, e' risultato eletto nella relativa consultazione elettorale, si applica la pena prevista dal primo comma dell'articolo 416-bis (da 10 a 15 anni) aumentata della meta'.

- INTERDIZIONE PERPETUA PUBBLICI UFFICI: In caso di condanna consegue sempre l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

 

Commenti
    Tags:
    voto di scambiovoto scambio
    in evidenza
    Italia Viva, l'ironia del web "Sembra la pubblicità del Vagisil"

    Politica

    Italia Viva, l'ironia del web
    "Sembra la pubblicità del Vagisil"

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone Auto e Moto d’epoca 2019, Peugeot festeggia i 50 anni della 304

    Al Salone Auto e Moto d’epoca 2019, Peugeot festeggia i 50 anni della 304


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.