A- A+
Politica
Voto di scambio: via libera della Camera con 280 sì. Torna al Senato

Via libera dell'Aula della Camera alla proposta di legge sul voto di scambio politico-mafioso, che modifica l'articolo 416 ter del codice penale. I voti a favore sono 280, i contrari 135 e 10 astenuti. Il provvedimento, gia' approvato dal Senato ma modificato durante l'esame in commissione a Montecitorio, dovra' tornare a palazzo Madama per la terza lettura.

Voto di scambio politico-mafioso, fino a 15 anni carcere 

Con il via libera da parte della Camera, la proposta di legge sul voto di scambio politico-mafioso torna al Senato per l'approvazione definitiva. Il provvedimento modifica l'articolo 416 ter del codice penale, e prevede fino a un massimo di 15 anni di carcere. La proposta di legge, targata 5 stelle, e' composta di un solo articolo.

- VOTO DI SCAMBIO, FINO A 15 ANNI DI CARCERE: "Chiunque accetta, direttamente o a mezzo di intermediari, la promessa di procurare voti da parte di soggetti appartenenti alle associazioni di cui all'articolo 416-bis, o mediante le modalita' di cui al terzo comma dell'art. 416-bis in cambio dell'erogazione o della promessa di erogazione di denaro o di qualunque altra utilita' o in cambio della disponibilita' a soddisfare gli interessi o le esigenze dell'associazione mafiosa e' punito con la pena stabilita nel primo comma dell'articolo 416-bis". In sostanza, la nuova formulazione della norma punisce con la reclusione da 10 a 15 anni (stessa pena prevista per l'associazione mafiosa dall'art. 416-bis, primo comma, del codice penale) l'accettazione, diretta o a mezzo di intermediari, della promessa del sostegno elettorale. I voti saranno procurati: da soggetti appartenenti ad associazioni mafiose oppure mediante modalita' mafiose. Inoltre, estende la punibilita' anche ai casi in cui la condotta incriminata sia stata realizzata mediante il ricorso ad intermediari.

- PROMESSA DI PROCURARE VOTI: La stessa pena, da 10 a 15 anni di carcere, si applica a chi promette di procurare voti.

- PENE AUMENTATE CON L'ELEZIONE: Se colui che ha accettato la promessa di voti, a seguito dell'accordo, e' risultato eletto nella relativa consultazione elettorale, si applica la pena prevista dal primo comma dell'articolo 416-bis (da 10 a 15 anni) aumentata della meta'.

- INTERDIZIONE PERPETUA PUBBLICI UFFICI: In caso di condanna consegue sempre l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

 

Commenti
    Tags:
    voto di scambiovoto scambio
    in evidenza
    Kinsey Wolansky a tutto campo "Mai fatto film porno. E poi..."

    Sport

    Kinsey Wolansky a tutto campo
    "Mai fatto film porno. E poi..."

    i più visti
    in vetrina
    ASCOLTI TV, ITALIA-BRASILE A FORZA 7,3 MILIONI DI SPETTATORI. AUDITEL RECORD

    ASCOLTI TV, ITALIA-BRASILE A FORZA 7,3 MILIONI DI SPETTATORI. AUDITEL RECORD


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La concept car Alfa Romeo Tonale si aggiudica il “Car Design Award 2019”

    La concept car Alfa Romeo Tonale si aggiudica il “Car Design Award 2019”


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.