A- A+
Politica
Zingaretti e il suo ghost, "Uolter l'Africano"
LaPresse

Lo scaltro Nicola Zingaretti ha fiutato da tempo odor di cadrega Pd e si è pazientemente, come suo costume, messo in movimento per ghermirla.

Impresa non facile ma non impossibile, visto che il principale concorrente è Maurizio Martina.

Ma il Partito Democratico è una macchina complessa che ha ereditato, nel contempo, la spietatezza pragmatica del Partito Comunista e le sottigliezze della Democrazia Cristiana. Insomma, un ircocervo che è difficile domare.

Ma per vincere le primarie, e questo vuole Zingaretti che, tra l’altro, ricordiamolo, non è neppure mai stato Deputato o Senatore, occorre lavorare sia di impeto che di finezza. L’impeto è assicurato all’attuale governatore del Lazio dalle sue aperture al movimentismo dei Cinque Stelle, con un occhio a Emiliano, suo principale concorrente in questo campo, ed uno a Renzi che è eternamente indeciso tra la strategia movimentista e quella attendista democristiana.

Zingaretti però ha bisogno di alleati che ancora contino qualcosa in un partito precipitato ai minimi storici nei sondaggi. È la sua figura di riferimento è Walter Veltroni, l’eterno “americanino” democratico, quello che disse di non essere mai stato comunista e che pubblicava -da direttore de l’Unità- gli album libidinosi delle figurine Panini dei calciatori, e le videocassette coi film impegnati da rarità di cineclub e a cui piaceva “Happy Days” e la Nutella (questo in condivisione con Salvini).

Veltroni è il vero ghost che sta dietro a Zingaretti, il suo convitato di pietra.

L’alleanza è definita da tempo e Veltroni, che è politico vecchia maniera assai abile a fiutare trappole ed ad evitare imboscate, ha fatto alcune mirate e soppesate apparizioni cruciali alle feste dell’Unità in cui ha endorsato Zingaretti in maniera non volgarmente manifesta, ma cremosa e zuccherosa come, per altro, suo costume.

Zingaretti vuole il potere per il potere, ed ha costruito fuori del partito una fitta e iperconnessa rete di conoscenze personali tra la gente che conta ed ora si gioca il tutto per tutto nell’avventura delle primarie.

Tuttavia “Zinga” deve fare attenzione perché “Uolter l’Africano” è il più longevo e non ancora dismesso esponente della vecchia burocrazia sovietica e in tempi di populismo bruciante un esponente dell’Antica Casta può anche portar danno invece che beneficio.

Commenti
    Tags:
    nicola zingarettiwalter veltronipd
    in evidenza
    Georgina: "Io e Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

    La modella si racconta. Foto

    Georgina: "Io e Ronaldo?
    Basta uno sguardo e ci capiamo"

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello 2019, MILA SUAREZ ESCE DI SENO IN PISCINA. Gf 2019 news

    Grande Fratello 2019, MILA SUAREZ ESCE DI SENO IN PISCINA. Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator

    Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.